PimpMyTrip.it – Viaggi Fai da Te Blog Gaudí a Barcellona: un Itinerario Diverso per Scoprire la Città

Gaudí a Barcellona: un Itinerario Diverso per Scoprire la Città

Ovunque tu vada a Barcellona non puoi non sentire la presenza di Gaudí, l’architetto modernista più famoso della città.

Questo itinerario di Gaudí a Barcellona è un modo diverso di esplorare la città seguendo le orme di colui che ha contribuito a plasmarne il design.

gaudi-itinerario-barcellona

Gaudí è Barcellona, Barcellona è Gaudí. Nessuno dei due esisterebbe se non ci fosse stato l’altro.

Nato nel 1852, Anton Gaudí apparteneva al movimento Art Nouveau, con i suoi primi disegni incentrati su stili architettonici gotici e tradizionali catalani, ma molto presto cominciò a sviluppare quel suo stile così particolare, che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

La sua opera più celebre, la Sagrada Familia, non è solo l’attrazione più popolare di Barcellona, ​​ma il monumento più visitato di tutta la Spagna.

Gaudí morì tragicamente nel 1926 dopo essere stato investito da un tram. Era uscito dal suo laboratorio all’interno della Sagrada Familia per andare a messa ed era talmente logoro che le persone, non riconoscendolo e scambiandolo per un mendicante non accorsero subito in suo aiuto.

L’architetto geniale che il mondo celebra come uno dei personaggi più enigmatici della storia morì all’ospedale dei poveri della Santa Croce.

Nessuna visita a Barcellona è completa senza vedere il lavoro di Gaudí, anzi nessuna visita di Barcellona può dirsi tale senza vedere le opere di Gaudí.

Ecco un itinerario per visitare tutte le migliori attrazioni di Gaudí a Barcellona.

CONSIGLIO PRO

Se intendi visitare tante deIle attrazioni di Gaudí, valuta di acquistare il Barcelona City Pass che oltre a includere l’entrata al Parco Güell e alla Sagrada Familia ti dà uno sconto del 20% sul costo del biglietto di Casa Battló, La Pedrera e di tante altre attrazioni di Barcellona.

Articoli correlati:

La Sagrada Familia

sagrada-familia-gaudi

La più famosa opera di Gaudí è come la tela di Penelope: non finisce mai. La chiesa è in costruzione da oltre 100 anni,ma fortunatamente sembra che sarà finalmente completata nel 2026.

Quando ho visitato la Sagrada Familia per la prima volta (doveva essere il 1997) fondamentalmente ho pagato il biglietto per vedere delle impalcature.

Ci sono tornata una seconda e terza volta, e ora che l’interno è finito, il risultato è assolutamente mozzafiato.

Gaudí era un cattolico devoto (per questo fu denominato “l’architetto di Dio”) e ha trascorso gli ultimi 10 anni della sua vita lavorando a questo progetto.

La chiesa è diversa da qualsiasi cosa ci si possa immaginare: fonde le influenze dell’uomo, della natura e della religione nella sua architettura dettagliata. La Sagrada Familia nasconde anche dei segreti, Gaudí infatti ha lasciato in essa molte tracce della sua “appartenenza” alla massoneria.

Consiglio da amica: acquista il tuo biglietto online. C’è una coda costante di 2-3 ore per entrare, mentre ci vogliono solo pochi secondi quando hai i biglietti Salta la Fila. Sii il più saggio!

Secondo me vale assolutamente la pena prendere una visita guidata. Se vuoi spendere meno acquista la visita con audio-guida che costa poco di più del solo biglietto d’entrata e copre in maniera dettagliata la storia della chiesa.

Approfondisci con il mio post su quale biglietto scegliere per la Sagrada Familia

Il momento migliore per visitare la Sagrada Familia è secondo me nel tardo pomeriggio quando il sole entra dalle vetrate riempiendo l’interno della chiesa di una cascata di luce.

Carrer de Mallorca, +34 932-080-414

 

VEDI BIGLIETTI per SAGRADA FAMILIA

Casa Batlló

casa-batllo

Casa Batlló è un edificio restaurato da Antoni Gaudí nei primi anni del 1900 ed è in assoluto uno delle mie opere preferite.

Gaudí impiegò 2 anni nel progetto, rinnovando completamente l’esterno, il piano principale, il patio e il tetto.

Con la sua forma ondulata, senza linee rette, è sicuramente una delle più accattivanti delle  creazioni del folle genio di Gaudí.

La facciata è decorata con un mosaico fatto di piastrelle di ceramica rotte (trecandìs) che Gaudí raccoglieva dalla spazzatura di una vicina vetreria. Il tetto è arcuato e ricorda la schiena del drago ucciso da San Giorgio.

Passeig de Gràcia 43, +34 932-160-306, casabatllo.es. Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00.

Se acquisti i biglietti online per Casa Battló hai un risparmio del 10% rispetto a comprarli alla biglietteria e salti la fila. Puoi acquistarli dal bottone azzurro qui sotto:

 

Acquista BIGLIETTI PER CASA BATLLO

I lampioni di Plaça Reial

Forse sarai sorpreso, quanto lo sono stata io, di sapere che lo stesso Gaudí ha progettato gli strani lampioni di Plaça Reial, nel cuore di Barcellona.

Fu il primo lavoro che gli fu commissionato da giovane architetto, nel 1878.

Su richiesta del consiglio comunale, Gaudí progettò lampioni a sei braccia, incoronate da un elmo alato. Fatte di ghisa e marmo, erano il simbolo del potere commerciale di Barcellona.

Un contributo relativamente piccolo alla città rispetto alla grandiosa Sagrada Familia ma, per come la vedo io, è solo un’altra prova di quanto oltre che geniale (e un po’ folle) l’arte di Gaudí sia stata anche versatile.

Placia Real, appena fuori La Rambla. Si trovano in una piazza pubblica, quindi sono accessibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e gratuiti.

Parc Güell

parc-guell-gaudi

Parc Güell è un complesso di giardini di 45 acri progettato e costruito tra il 1900 e il 1914 e visitarlo è come essere catapultati in una favola. Dal progetto originario che lo voleva un complesso residenziale è stato successivamente trasformato in un giardino municipale ed è ora un sito del patrimonio mondiale.

Il punto focale del parco è sicuramente la terrazza principale, circondata da una lunga panchina a forma di serpente.
Il parco è vicino a La Sagrada Familia quindi è facile visitarli entrambi.

Carrer de Larrard (ingresso principale), +34 934-091-831. Aperto tutti i giorni dalle 8:00 alle 21:30. Sito Ufficiale di Parc Güell

Se intendi visitare sia Parc Güell che la Sagrada Familia, una buona scelta è comprare il biglietto combinato Gaudí Bundle esclusivo di Ticketbar che ti dà accesso salta la fila a entrambe le attrazioni.

 

ACQUISTA il GAUDI BUNDLE

 

Quando acquisti il biglietto dovrai inserire la data e l’ora in cui desideri visitare le due attrazioni. Ricordati di lasciare almeno 3 ore tra una visita e l’altra!

Casa Mila (La Pedrera)

la-pedrera-gaudi

Dal 1906 al 1910, Gaudí lavora a Casa Milà, conosciuta anche come “La Pedrera” (la cava di pietra) per la sua facciata in pietra calcarea. L’obiettivo era di evocare il senso di una montagna innevata.

Gaudí, cattolico e devoto alla Vergine Maria, progettò Casa Milà perché fosse un simbolo spirituale: infatti vi incluse molti elementi religiosi come le statue di Maria, San Michele e Santa Gabriel. Casa Milà cadde in rovina e fu parzialmente abbandonata fino a quando non è stata restaurata alla fine degli anni ’80 alla sua forma originale.

La parte più bella della La Pedrera? Le viste a 360 gradi sulla città dal tetto.

Tutto sommato, non so se consigliare di visitare questa casa a meno che tu non sia un fan sfegatato di Gaudí. A me non è piaciuta molto, onestamente.

Provença 261-265, +34 902-202-138, lapedrera.com/en. Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:30 (18:30 durante l’inverno).

Acquista I BIGLIETTI PER LA PEDRERA

Casa Vicens

Casa Vicens è il primo importante edificio di Gaudí. Costruita tra il 1883 e il 1888, fu un progetto fatto per una famiglia benestante che possedeva una fabbrica di ceramiche.

Ciò si riflette chiaramente nella facciata “trencadis” di mattoni rossi grezzi, piastrelle di ceramica colorata a scacchiera e motivi floreali. È inoltre possibile vedere alcune influenze di architettura islamica nella sua facciata e in alcune delle sue stanze.

Carrer de les Carolines 20, +34 935-475-980, casavicens.org. Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 20:00.

Acquista BIGLIETTI per CASA VICENS

Palau Güell

Situato al largo di La Rambla, l’edificio Palau Güell (Palazzo Güell) non ti lascia a bocca aperta come le altre opere di Gaudí. Costruito dal 1886-88, fu progettato per uno dei mecenati di Gaudí, Eusebi Güell (lo stesso del Parco per intenderci).

La casa è centrata attorno alla stanza principale che veniva utilizzata per intrattenere gli ospiti dell’alta società. La sala principale ha un soffitto alto con piccoli fori dove le lanterne venivano appese di notte per dare l’aspetto di un cielo stellato.

Anche se dall’aspetto un po’ gotico, a me è piaciuta.

Carrer Nou de la Rambla 3-5, +34 934-725-775, palauguell.cat. Aperto da martedì a domenica dalle 10:00 alle 17:30. L’ingresso è di 12 euro, con sconti disponibili per studenti, anziani e bambini.

 

Acquista BIGLIETTI per PALAU GUELL

Casa Calvet

Costruita tra il 1898 e il 1900, Casa Calvet fu costruita per un produttore di tessuti nel quartiere Eixample di Barcellona (il quartiere di Gaudí).

Questo edificio è il più convenzionale dei suoi lavori, in parte perché doveva essere schiacciato tra le strutture più vecchie e in parte perché si trova in una delle sezioni più belle di Barcellona.

La simmetria, l’equilibrio e il ritmo ordinato della casa sono inusuali per le opere di Gaudí. Le curve e il doppio timpano nella parte superiore e la sporgenza all’ingresso sono elementi modernisti.

Ha anche incorporato motivi mitologici e naturali, che lo hanno aiutato a vincere il premio come miglior edificio nel 1900 dal Consiglio Comunale di Barcellona.

Carrer de Casp 48. Puoi fermarti solo per scattare foto all’esterno dell’edificio perché non ti è permesso entrare in questa residenza privata.

Cascata Monumentale in Parc de la Ciutadella

parc-de-la-ciutadella-gaudi

Gaudí ha contribuito a progettarlo mentre era ancora uno studente.

Fu responsabile della progettazione della fontana, del palco della musica e del cancello d’ingresso del parco, un progetto che si estese dal 1873 al 1882. Di stile barocco, la fontana è imponente.

Mi è piaciuto molto stare seduta nel parco semplicemente a guardare la fontana e la gente che passava, l’ho trovato un ottimo modo per far riposare i miei piedi dopo una giornata intensa in giro per la città.

Passeig de Picasso 21. Il parco è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 22:00. L’ammissione è gratuita.

Collegio di Santa Teresa

Anche se sembra una fortezza, il collegio di Santa Teresa è una scuola conventuale progettata da Gaudí per L’Ordine di Santa Teresa di Gesù. Il progetto era già in corso quando Gaudí fu coinvolto, ma apportò alcune modifiche ai piani per riflettere meglio il suo stile personale e la sua visione.

Carrer de Ganduxer 85-105, +932 123 354. L’interno non è aperto al pubblico.

Torre Bellesguard

La Torre Bellesguard, nota anche come Casa Figueras, fu costruita da Gaudí tra il 1900-1909. Fu costruita come una seconda casa per Figueras e pensata come una fortezza medievale. Ci sono alcuni elementi di Art Noveaux che danno una visione modernista di una struttura gotica classica.

Carrer de Bellesguard 16-20, +932 504 093, bellesguardgaudi.com. Aperto da martedì a domenica dalle 10:00 alle 15:00. I biglietti sono 9 EUR e includono una guida audio.

itinerario-gaudi-barcellona-pin
1 comment… add one
  • Paola Feb 1, 2019 @ 18:45

    Ciao Martina, sono Paola ed amo come te viaggiare e scoprire il mondo se potessi lo farei molto di più… ti chiedo qualche consiglio ed info per fare un viaggio io e mio marito in settembre o ottobre in Egitto con crociera sul Nilo o visita alle piramidi vorrei capire se è possibile visti i luoghi fare il fai da te ?? Molto interessanti e belli i tuoi viaggi . Un saluto Paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.