PimpMyTrip.it - Viaggi Avventura > Blog > Viaggi Avventura > Europa > Casa Batlló a Barcellona: 10 Cose da Sapere Prima di Visitarla

Casa Batlló a Barcellona: 10 Cose da Sapere Prima di Visitarla

– Posted in: Europa

Visitare Casa Batlló a Barcellona è come entrare in una fiaba! Credo che ancora oggi, dopo aver viaggiato tanto, Casa Batlló sia una delle cose più insolite mai viste in vita mia.

Situata sul famoso Passeig de Gràcia di Barcellona nel cuore della zona del Eixample al centro del blocco di edifici chiamato “Manzana de la Discordia”, Casa Batllò è senza dubbio una delle principali attrazioni di Barcellona e di conseguenza anche una delle più visitate al mondo.

casa-batllo-barcellona

Ed è anche facilissimo arrivarci in metro: la fermata della metro è Passeig de Gracia, ed è collegata con la linea verde L3, la gialla L4 e la viola L2.

Sia che tu intenda visitarla, sia che tu sia solo curioso di saperne di più, ecco 10 cose da sapere su Casa Batllò (che io ho imparato quando vivevo a Barcellona)!

10 Cose da sapere su Casa Batlló a Barcellona

1 – Casa Batlló è stata progettata dal famoso architetto Antoni Gaudí

Probabilmente lo sai già, ma Antoni Gaudí è il più famoso architetto catalano di tutti i tempi, ed è la mente dietro molti dei monumenti più iconici della città. La Sagrada Familia, una delle chiese più insolite al mondo così come La Pedrera, situata non lontano da Casa Batlló, il Parc Guell… sono tutte opere sue.

Come la maggior parte delle opere di Gaudí, anche Casa Batlló è un edificio modernista e il suo stile è perfettamente distinguibile dalla ricerca della ricca decorazione (un po’ pacchiana a volte) e un gusto per una totale asimmetria delle linee.

Altri importanti edifici modernisti a Barcellona includono il Palau de Lluís Domènech i Montaner e l’ospedale di Sant Pau, così come la casa Martí di Josep Puig i Cadafalch, ora sede del ristorante Els Quatre Gats.

2 – Non con tutti i biglietti si salta la fila ma con il Fast Pass vai sul sicuro

Come al solito, quando si parla di Barcellona, è sempre meglio acquistare i biglietti prima online. Quando vivevo a Barcellona infatti ho provato varie volte ad andare direttamente alla biglietteria e quando ho visto la coda mostruosa ho rinunciato.

Io però vivendo lì ci sono potuta tornare, ma se tu fai solo qualche giorno potresti pentirti di non aver acquistato prima i tuoi biglietti (circa 3.000 persone visitano Casa Batlló ogni giorno).

I biglietti possono infatti essere acquistati in 4 modi:

  • Direttamente alla biglietteria di casa Batlló con il rischio di fare una lunga coda e con il rischio che i biglietti siano esauriti (ovvero non riesci ad entrare). Tra l’altro costano di più dei biglietti online, quindi da evitare!
  • Dal sito ufficiale di Casa Batlló
  • Dal sito ufficiale dell’ENTE del TURISMO
  • Dal collaboratore TicketBar al miglior prezzo di mercato (-20%) e saltando la fila. Una volta infatti completato l’acquisto dal portale (conferma immediata) ti verrà inviata una mail con il voucher. Questo voucher puoi stamparlo oppure farlo vedere direttamente dal cellulare quando arrivi li: all’ingresso poi segui le indicazioni per “gruppi e voucher” ed entrerai senza perdere troppo tempo.

Acquista BIGLIETTI PER CASA BATLLO

 

Qui sotto trovi due tipi diversi di biglietti online: il primo è un normale biglietto salta la fila, il secondo è un tour con un attore di teatro che ti guiderà per la casa raccontandoti anche alcuni aneddoti interessanti e divertenti (disponibile solo alla domenica alle 17:00)

Allora, quando compri i biglietti online con salta la fila, tieni conto che tanti come te potrebbero aver fatto la stessa scelta. Questo significa che potresti comunque trovare un po’ di coda.

Ci sono però 2 soluzioni:

Prima soluzione: il Fast Pass è un’opzione che costa solo 5 euro in più del biglietto normale e ti permette di entrare senza aspettare neanche un secondo in quanto c’è un’entrata preferenziale!

Se ti stai chiedendo se ne vale la pena? Io direi che se vai in un periodo di altissima stagione (come Pasqua per esempio o ad Agosto) allora con l’opzione Fast Pass vai sul sicuro. Altrimenti se vai in un periodo non tanto affollato il normale biglietto salta la fila secondo me è sufficiente.

Seconda soluzione: esiste un biglietto esclusivo per visitare Casa Battló alla mattina presto, prima dell’orario di entrata normale che ti garantisce che non ci sia praticamente nessuno.

La disponibilità è ovviamente limitatissima per cui se decidi di optare per questo tour (che personalmente mi sento di consigliarti) cerca di comprare i biglietti il prima possibile!

Attenzione che come per altre attrazioni di Barcellona ti verrà chiesto, al momento dell’acquisto, l’orario in cui vuoi fare la tua visita: presentati qualche minuto prima!

Inclusa nel prezzo dei biglietti vi è un’audio-guida “intelligente” (disponibile in: catalano, spagnolo, inglese, francese, italiano, tedesco, cinese, giapponese, russo e portoghese).

Il Barcelona City Pass ti dà uno sconto del 20% sul costo del biglietto di Casa Battló e di tante altre attrazioni di Barcellona: per ottenerlo quando acquisti il biglietto devi inserire il codice ricevuto via email nella schermata di pagamento.

3 – Il suo soprannome è “la casa delle ossa”

Casa Battló si è guadagnata il soprannome di “Casa dels ossos” in catalano. La ragione di questo è relativa alla leggenda di San Giorgio, patrono della Catalogna, secondo la cui leggenda, ammazzò il drago con la sua spada per salvare la principessa e il popolo dalla furia dell’animale.

Ma non solo è questa l’interpretazione. Se si osserva la facciata si vede che i balconi sembrano frammenti di cranio con le aperture per gli occhi ed il naso, le colonne del primo piano hanno la forma di ossa umane (tibia) e numerosi altri dettagli che possono fare pensare ad uno scheletro.

4 – È stato nominato per vincere come il miglior design dell’anno … e ha perso

Può sembrare incredibile ora, ma nel 1906, quando Gaudí ebbe terminato il suo rimodellamento dell’edificio, Casa Batlló fu “messa in lizza” come miglior progetto dell’anno … e ha perso!

In questa competizione c’erano un certo numero di architetti: case notevoli come Casa Ametller, Casa Lleó Morera, Casa Mulleras e Casa Josefina Bonet si trovano tutti a breve distanza l’una dall’altra.

5 – L’edificio è decorato con uno stile a mosaico chiamato trencadís

Considerato largamente uno dei primi a utilizzare la tecnica nota come trencadí, Gaudí lo ha usato come particolare forma di mosaico in molte delle sue opere. Forse l’esempio più famoso è il Park Güell, sulle ondulate panchine del parco e sulla iconica salamandra. Il trencadís, che significa “rotto” o “frantumato” in catalano,  è uno stile di mosaico che utilizza cocci di tegole e porcellane cementate insieme.

Insomma si potrebbe dire che Gaudí fosse un pioniere del riciclo!

visitare-barcellona-3-giorni

6 – Non ci sono linee rette

Una delle caratteristiche ricorrenti del modernismo era una preferenza per le linee curve rispetto alle linee rette e Gaudí ha preso a cuore questo principio nella maggior parte del suo lavoro. Secondo il grande architetto, non esistono linee rette e angoli in natura.

Per questo nelle sue opere la maggior parte delle colonne, dei muri e di altre caratteristiche architettoniche in cui ci si potrebbe aspettare di trovare le linee rette sono invece progettate con linee curve.

7 – Casa Batlló racconta una leggenda

Amo le leggende…Credo che diano quel tocco di magia ai posti che vado a visitare (ho raccontato tante leggende su questo blog, come la leggenda delle Cascate di Iguazu o quella del volcano Poàs in Costa Rica).

Se anche tu sei come me allora ti racconto brevemente la leggenda di Sant Jordi (San Giorgio) e i riferimenti che puoi trovare a Casa Batlló.

Una volta a Montblanc (Tarragona) viveva un drago che terrorizzava il paese. Per placare la sua ira, gli abitanti del villaggio offrivano un essere umano ogni giorno in modo che non uccidesse l’intera città.

Finché a sorte come vittima non fu estratta la principessa. Ma San Giorgio corse in suo aiuto trafiggendo la creatura e salvando il paese e tutti i suoi abitanti.

Ancora oggi, il 23 aprile, festa di San Jordi, le strade delle città e dei paesi sono affollate di gente e bancarelle che vendono libri e rose.

Se osservi da vicino Casa Batlló, puoi vedere i seguenti riferimenti proprio alla leggenda:

1 – Il tetto di Casa Batlló raffigura la schiena squamosa del drago.

2 – Sul tetto, troverai una croce enorme con quattro braccia, che rappresenta la spada trionfante di San Giorgio sulla schiena del drago.

3 – Ai piani inferiori, le precedenti vittime del Drago sono raffigurate sotto forma di balconi a forma di teschio e pilastri a forma di osso.

4 – Il balcone a forma di fiore in alto si riferisce al balcone della Principessa.

Questi riferimenti alla leggenda possono essere visti anche dall’esterno.
Tuttavia, per vedere altri due riferimenti, è necessario entrare.

5 – Nella sala d’ingresso di Casa Batllo, c’è una scala la cui parte superiore sembra una coda di drago – con un sacco di vertebre legate insieme.

6 – L’ultimo riferimento alla leggenda è la soffitta, che assomiglia a quello di una cassa toracica di un grande animale.

Conosci qualche altro edificio che racconta una storia? Se sì, lasciamelo nei commenti!

8 – Casa Batllò si può visitare anche di sera

Vale la pena dare un’occhiata alla Casa Batlló di Gaudí di notte, quando è illuminata.

L’edificio fu progettato da Gaudí per Josep Batlló, un ricco aristocratico, come una casa esclusiva. Señor Batlló visse nei due piani inferiori con la sua famiglia e i piani superiori furono affittati.

Questo edificio è un lavoro straordinariamente unico e vale la pena visitarlo sopratutto di notte.

Ogni estate Casa Batlló organizza una serie di eventi musicali sul tetto chiamati Magic Nights. Da maggio a novembre è possibile acquistare i biglietti per visitare la Casa Batlló e assistere allo spettacolo musicale.

Nel 2018 le notti magiche cominciano il 14 maggio per terminare il 4 novembre. Il biglietto Magic Nights dà diritto alla visita della Casa, alla videoguida, a due bibite e al concerto sul tetto.

La visita comincia alle h.20.00 e il concerto è alle 21.00. Il termine della serata è previsto verso le h.22.

È sempre meglio prenotare prima online perché i biglietti esauriscono in fretta. Puoi acquistare il biglietto (con conferma immediata) cliccando sul link qui sotto:

9 – Casa Batlló non fu costruita da zero

Anche se l’edificio sembra al 100% opera di Gaudí, la Casa Batlló come la conosciamo fu modellata e costruita su un edificio preesistente. Originariamente costruito nel 1877, la casa fu acquistata dalla ricca fabbrica tessile di proprietà di Josep Batlló nel 1900 che incaricò Gaudí di ridisegnarla.

Insieme alle modifiche estetiche, Gaudi ha anche aggiunto pavimenti extra, ha completamente ristrutturato l’appartamento principale.

10 – Si dice che da Casa Batlló si potesse vedere la Sagrada Famiglia

Sebbene oggi gli edifici più moderni blocchino la vista, si crede che una volta fosse possibile vedere la Sagrada Familia dalla finestra sul tetto di Casa Batlló. Gaudí è stato un devoto uomo religioso e non sarebbe stato sorprendente per lui includere tale caratteristica nel suo design.

Un aneddoto: il suo progetto originale per la Sagrada Familia – il cui completamento dovrebbe finalmente essere nel il centenario della morte di Gaudí, nel 2026, prevedeva che la chiesa fosse di appena un metro più bassa della Collina di Montjuïc.

Gaudí credeva che le creazioni degli umani non dovessero essere più grandi di quelle di Dio.

Informazioni utili

casa-batllo-orari

Prezzi

I prezzi di Casa Batlló variano in base al biglietto o tour che si sceglie.

Comunque i costi per i ticket online nel 2019 sono i seguenti:

Adulto: 25,00€
Ragazzi (7 – 18 anni): 22,00€
Bambini (0 – 6 anni): gratis!
Studenti: 22,00€
Oltre 65 anni: 22,00€
Fast Pass: 30,00€

Orari nel 2019

Facile da ricordare! Casa Batlló è dalle 09.00 alle 21.00 (ultimo ingresso alle ore 20:00).

La visita dura circa 1 ora.

Casa Batlló, domande frequenti

casa-batllo-prezzi

I biglietti di Casa Batlló hanno una scadenza o possono essere presi anche mesi prima? I biglietti non hanno scadenza ma sono validi solo nella data e nell’orario che si è scelto al momento dell’acquisto.

I biglietti acquistati sono rimborsabili? No non lo sono, ma se acquisti da Ticketbar i biglietti non sono nominali quindi puoi cederli a qualcun altro.

Come si acquista la riduzione per studenti? Basta il documento di identità.

Quando è meglio visitare Casa Batlló? Alla mattina presto, in genere c’è meno gente. Oppure prima del tramonto, verso le 17:00.

Meglio Casa Batlló o la Pedrera? Personalmente mi piace di più CasaBatllò.

Casa Batlló ha accessibilità per le persone con mobilità ridotta? Si, è provvista di diversi ascensori quindi non avrai problemi a visitare la maggior parte della casa. Il tetto però al momento non è accessibile alle sedie a rotelle.

Devo stampare il biglietto? No, on è necessario, puoi mostrarlo all’entrata direttamente sul tuo telefono cellulare o tablet.

Posso scattare foto? Certo, ma non puoi portare il cavalletto e le foto devono essere esclusivamente a scopo personale e non commerciale.

Da che ora posso vederla illuminata? Dall’imbrunire. Meglio andare un’ora prima del tramonto in maniera da vederla sia con la luce che con il buio.

Può entrare anche il mio cagnolino? Si, ma con museruola.

casa-batllo-barcellona-pin

Ti Potrebbero anche piacere:

dove-dormire-a-barcellona
roma-cosa-vedere-3-giorni
alcatraz-san-francisco
0 comments… add one

Leave a Comment