PimpMyTrip.it – Viaggi Fai da Te Blog 25 Cose Belle Da Vedere a Genova (i Consigli di una VERA Local!)

25 Cose Belle Da Vedere a Genova (i Consigli di una VERA Local!)

Chi può suggerirvi cosa vedere a Genova meglio di chi vi è nata, la vive ogni giorno ma soprattutto la ama immensamente?

Probabilmente nessuno.

Perché Genova è molto di più di quello che spesso viene descritto: la verità è che Genova, per conoscerla davvero, andrebbe vissuta in ogni suo piccolo caruggio.

cosa vedere a Genova

Parlerei per ore della mia città. Vorrei parlarti della sua gente, così “chiusa” verso i foresti, ma con così tanta voglia di aprirsi al mondo; vorrei parlarti della sua storia, quando i genovesi solcavano i mari con le loro barche; vorrei parlarti dei suoi personaggi famosi, da Cristoforo Colombo a De André, ma non posso farlo nello spazio limitato di un blog.

Mi limiterò a dirti: cerca di vedere Genova non come un turista, ma con gli occhi di chi ci è nato (come me) e, soprattutto, cerca di viverla più che puoi.

Questa città, tanto intricata e particolare quanto lo sono i suoi vicoli, ha una storia importante, lontana nel tempo e incisa nel cuore dei suoi abitanti.

Sei pronto a partire per la Superba? Qui di seguito ti elencherò 25 cose da vedere (e fare!) a Genova (ma trovi anche la 26esima che ho nascosto in fondo a questo post), luoghi e tradizioni assolutamente imperdibili!

Te ne ho tracciato un elenco che, volendo, può diventare un vero e proprio itinerario di scoperta e turismo.

CONSIGLIO PRO: se decidi di visitare Genova un’idea fantastica per risparmiare è la CARD DEI MUSEI di GENOVA: ti da accesso gratuito a ben 22 musei (tra cui i principali della città), trasporti gratis e illimitati sui mezzi pubblici e altri sconti!

 ⇒ Clicca QUI per SAPERNE di più

Partiamo insieme dunque ma per prima cosa devi sapere che noi la chiamiamo Zena!!!

1 – Il Porto Antico

porto antico genova

Il Porto Antico di Genova, completamente riprogettato negli anni Novanta del XX Secolo, è un’area del porto della città rivisitata a quartiere turistico e abitativo.

Nel corso degli anni è divenuto un vero e proprio punto di riferimento per i cittadini e per i turisti, sede di eventi e manifestazioni.

All’interno dell’aerea del Porto Antico potrai:

  1. Godere di una vista splendida della Lanterna, il simbolo della città;
    salire e scendere sull’ascensore del Bigo, un monumento moderno progettato da Renzo Piano, e ammirare il panorama;
  2. Visitare la Biosfera e l’Acquario, di cui ti parlerò tra pochissimo (⇒ ricordati di acquistare prima il biglietto online);
  3. Osservare Porta Siberia, facente parte delle vecchie mura cinquecentesche della città;
  4. Divertirti nelle strutture ricettive (cinema, ristoranti, aree gioco) dei Magazzini del Cotone;
  5. Fare shopping e dare un’occhiata alle bellissime barche ormeggiate lungo la passeggiata sul mare.

2 – L’Acquario e la Biosfera

acquario di Genova

L’Acquario di Genova, che troverai proprio nell’area del Porto Antico, è il più grande acquario d’Europa e ospita circa 6.000 esemplari marini di oltre 600 specie. È un’aria espositiva affascinante e unica, resa ancora più speciale dalla splendida vasca dedicata ai delfini.

All’interno dell’Acquario di Genova, potrai non solo visitare le tante specie marine che lo popolano ma anche partecipare ad eventi, momenti educativi e spettacoli.

Sempre nell’area del Porto Antico, ti imbatterai in un pallone espositivo gigantesco: la Biosfera, una sfera in vetro e acciaio, posta proprio di fronte all’Acquario.

All’interno di questa sfera, vivono indisturbate una gran quantità di esseri animali e vegetali tropicali, grazie al clima creato appositamente all’interno del grande pallone.

Anch’essa progettata dal celebre architetto Renzo Piano, è stata inaugurata nel 2001 in occasione del vertice del G8 tenutosi in città.

QUI trovi tanti biglietti online: ci sono varie combinazioni, puoi scegliere solo l’acquario, l’Acquario e la Biosfera, solo la Biosfera etc etc.. se vieni nel weekend o in alta stagione compra i biglietti prima… le code alla biglietteria potrebbero essere kilometriche!

3 – Galata Museo del Mare e il Sommergibile

Il Porto Antico ti riserva ancora un paio di piacevoli sorprese da visitare!

Il Galata Museo del Mare è il museo dedicato al mare più grande di tutta l’area mediterranea e con altissimi standard di modernità.

Cinque piani espositivi che raccontano Genova Repubblica Marinara e Cristoforo Colombo, equipaggiamenti e arsenali, ma che narrano anche di posti lontani e oltreoceano.

A sovrastare l’intero spazio espositivo, una terrazza splendida affacciata sulla città.

Di fronte al Galata Museo del Mare, sullo specchio d’acqua antistante, vi è un altro museo che ti consiglio di visitare, questa volta però si tratta di uno spazio espositivo galleggiante: il sommergibile Nazario Sauro, un vero e proprio “prolungamento” del Galata, suggestivo e affascinante.

Qui trovi il BIGLIETTO ONLINE PER IL GALATA MUSEO DEL MARE: se vieni nel weekend o in alta stagione mi raccomando, acquistalo prima!

4 – I carruggi e la Chiesa dell’Annunziata

Dopo aver visitato il Porto Antico e le sue tante attrattive, potresti proseguire la tua gita genovese addentrandoti nei tanto famosi carruggi.

Direttamente da Piazza Caricamento, puoi visitare piazza Banchi, via San Luca e immergerti nei tanto famosi carruggi cantati da De André. Proseguendo verso Piazza Fossatello, raggiungerai Via del Campo ed immergerti nel cantautorato italiano sarà un attimo!

Visita le vecchie botteghe, assapora l’atmosfera di un tempo, entra in un forno e gusta una “slerfa” (pezzo, ndr) di focaccia: ti basterà davvero poco per immergerti nell’autentica atmosfera genovese!

Vagando per i vicoli, ti segnalo la Basilica della Santissima Annunziata del Vastato: situata in piazza della Nunziata, nel cuore della zona universitaria e vicino ai carruggi, questa Chiesa è un gioiello dell’arte genovese di cui è simbolo e tradizione.

Costruita nel XVI secolo in stile barocco, ha subito trasformazioni e restauri nel corso del tempo. Un vero gioiello artistico da visitare a cuore aperto!

CONSIGLIO LOCAL: Girare per i vicoli potrebbe lasciarti abbastanza spiazzato, non è sempre facile orientarsi, ma soprattutto rischi di perderti qualche chicca. Il mio consiglio è di prendere un TOUR guidato come QUESTO.(e da genovese ti posso dire che costa poco! Da € 14)

5 – La cattedrale di San Lorenzo

cattedrale san lorenzo

Sempre rimanendo in tema architettonico – artistico, proseguendo la tua passeggiata dal Porto Antico, ti consiglio di imboccare la caratteristica Via San Lorenzo e imbatterti nella basilica della città, la cattedrale di San Lorenzo.

La consacrazione della cattedrale è risalente al XII secolo e, da allora, è centro nevralgico cittadino della religione cattolica.

Esternamente, ammirerai i suoi portali gotici, 3 per la precisione, sovrastati da bassorilievi e altorilievi, mentre lateralmente sarai accolto dai due leoni risalenti alla metà dell’Ottocento.

Al suo interno, vari stili artistici si mescolano creando un’atmosfera unica, affreschi sovrastano colonne a volte a botte mentre nella navata destra potrai vedere una granata proveniente dal comparto navale inglese, risalente alla Seconda Guerra Mondiale, piombata dentro la cattedrale dal tetto della stessa ma mai esplosa (e qui le leggende su come la bomba sia precipitata proprio dentro alla Cattedrale e non sia mia esplosa si sprecano).

Una moltitudine di opere architettoniche e affreschi fa da corollario alla splendida architettura, un gioiello artistico, insomma, sopravvissuto alle epoche e alle genti.

6 – Il Palazzo Ducale

Dopo aver visitato la basilica di San Lorenzo, ti basterà proseguire per pochi metri per imbatterti nel Palazzo Ducale.

La sua costruzione risale al XIII secolo e negli anni le sue funzioni si sono avvicendate e modificate, fino a diventare oggi uno spazio espositivo per mostre, un luogo in cui organizzare eventi e rilassarsi davanti ad un caffè.

È sede di diverse associazioni e l’obiettivo principale della fondazione che ne cura l’andamento è la promozione culturale e sociale.

Da non perdere assolutamente la visita alle carceri.

7 – Porta Soprana e la casa di Cristoforo Colombo

Prosegui il tuo tour per le vie del centro genovese visitando Porta Soprana e, situata proprio a pochi metri da essa, la casa di Cristoforo Colombo.

Porta Soprana è rimasta l’unica delle porte di ingresso della città risalente al IX – X secolo, ha un’architettura medioevale ed è realizzata in pietra. La sua architettura è imponente e, varcandone i confini, si accede al centro storico.

Appena sotto Porta Soprana, nel punto in cui inizia la passeggiata di accesso, si trova la casa di Cristoforo Colombo.

È una vera e propria casa-museo dedicata allo scopritore delle Americhe, ricostruita nel XVIII secolo sui resti di quella originale.

Secondo la tradizione, Colombo trascorse qui gli anni della sua gioventù: chissà se già tra queste mura sognava mondi lontani!

8 – Piazza De Ferrari e il Teatro Carlo Felice

piazza de ferrari e carlo felice

Proseguendo la tua passeggiata e percorrendo via Dante, ti imbatterai nella piazza più famosa di Genova, Piazza De Ferrari.

Con la sua grande fontana al centro posta di fronte ad uno degli ingressi di Palazzo Ducale, Piazza De Ferrari è centro nevralgico di eventi, manifestazioni e vitalità cittadina.

Vicino a Piazza De Ferrari potrai ammirare il Teatro Carlo Felice, il teatro dell’opera cittadino, sede di stagioni liriche e concerti unici.

Negli ultimi anni ha anche ospitato eventi non prettamente riguardanti il repertorio classico, come musical, concerti di musica pop e compagnie di balletto moderne.

9 – La cucina genovese

Girovagando per la città, ti verrà sicuramente fame!

Se durante le tue passeggiate hai già provato la focaccia, potresti addentrarti in una trattoria tipica genovese e assaggiare non solo pasta al pesto ma anche i pansoti (pasta ripiena) al sugo di noci, la panissa fritta (composto di farina di ceci), torte di verdura, il classico minestrone alla genovese, il coniglio alla Ligure oppure degli ottimi piatti di mare.

Anche in questo caso, se tu volessi scoprire di più sulla cucina genovese, ti consiglio questo tour gastronomico che ti porta alla scoperta anche delle trattorie tipiche!

10 – I Palazzi dei Rolli

Sede di eventi culturali e dal’importanza storica conclamata, i Palazzi dei Rolli sono un insieme di palazzi che furono dei nobili genovesi di architettura tardo rinascimentale e barocca.

Incredibili atri, spaziose scalinate, ampi cortili interni e piani di sale bellissime sono solo alcune delle meraviglie che potrai vedere all’interno di questo circuito di bellezze.

Alcuni di questi palazzi sono inseriti, insieme alle Strade Nuove, nel Patrimonio dell’umanità UNESCO.

Personalmente ti consiglio di visitare i palazzi dei Rolli con una guida esperta. Qui trovi un tour davvero interessante!

11 – Lo shopping in via XX Settembre

via xx settembre genova

Dopo tanta cultura, chi non avrebbe voglia di un po’ di sano shopping? Nella via principale del centro, via XX Settembre, potrai sbizzarrirti facendo shopping in negozi della grande distribuzione ma anche in piccole botteghe che sono nate e cresciute a Genova.

Librerie, abbigliamento, accessori e profumerie saranno pronte a soddisfare qualsiasi tua esigenza!

12 – Il Mercato Orientale

In via XX Settembre, all’incirca a metà, potrai trovare il Mercato Orientale, un luogo in cui scovare moltissime specialità culinarie e non solo.

Completamente e recentemente rinnovato, oggi è un punto di incontro e di svago, un luogo in cui assaporare sapori unici e incontrarsi, un centro di aggregazione culturale e sociale.

13 – Il Palazzo del Principe

Se vuoi calarti nella storia genovese dei Doria, non puoi farti mancare la visita al Palazzo del Principe.

Questa antica residenza è la più grande di tutta la città: costruita su ordinazione di Andrea Doria nel XVI secolo, oggi è un vero e proprio museo ricco di tesori e opere d’arte.

I giardini, affacciati lato mare, sono splendide opere architettoniche, le cui fontane contribuiscono ad arricchirne la magnificenza.

14 – Il Palazzo Reale

Continuando il tour degli edifici storici più importanti di Genova, il Palazzo Reale, originariamente voluto dalla famiglia Balbi nel XVII secolo e acquistato dai Savoia negli anni Venti dell’Ottocento, ti regalerà un emozionante tour tra sale di rappresentanza, affreschi, dipinti e arredi di proprietà delle famiglie che nel corso del tempo l’anno abitato.

Acquista QUI il tuo biglietto Salta la Fila per Palazzo Reale e Galleria Spinola

15 – La Lanterna

Simbolo della città, prepara la macchina fotografica perché non potrai non immortalare uno scatto di questo monumento alla genovesità!

Quello che intendo è che se i vicoli sono il cuore di Genova, la Lanterna è essenzialmente la sua anima.

La Lanterna de Zena è il faro più alto del Mediterraneo (77 metri) costruito su uno scoglio che accoglie i visitatori provenienti dal mare e risalente al periodo medioevale.

Unitamente alla torre, potrai visitare il Museo della Lanterna che racconta l’evoluzione architettonica e urbanistica della città.

ATTENZIONE: non chiamarla FARO, lei è la LANTERNA!

16 – Il panorama di Genova da Spianata Castelletto

spianata castelletto

Dopo aver visitato palazzi storici e musei, da Piazza Portello parte un ascensore cittadino che ti porterà al belvedere di Spianata Castelletto.

In questo ampio spazio dell’omonimo quartiere, avrai una vista generale sulla città, un panorama mozzafiato che ti lascerà incantato.

Potrai vedere il porto, le casette dei vicoli con i loro tetti in ardesia grigia, il teatro dell’opera e le colline circostanti che si affacciano sul mare.

17 – Il Castello d’Albertis

Rimanendo nel quartiere di Castelletto, potrai visitare il Castello d’Albertis, un’altra dimora storica di Genova, sede di eventi, congressi e di ben due musei: quello delle Culture del Mondo e quello delle Musiche de Popoli.

La sua costruzione risale alla fine dell’Ottocento e, posizionato sulla collina di Monte Galletto, sovrasta la città giovando di una splendida vista mare.

18 – Il trenino di Casella

Se non sei ancora stanco del tuo tour a Castelletto, accanto a Piazza Manin troverai la partenza del caratteristico trenino di Casella!

Questo piccolo treno ti condurrà nelle campagne e nel cuore dell’Alta Valle Scrivia, e ti farà approdare nel piccolo paese di Casella.

Qui potrai concederti una pausa pranzo in qualche tipica trattoria della zona per poi tornare in città a bordo del suggestivo trenino.

19 – Lo stadio comunale Luigi Ferraris

stadio comunale luigi ferraris

Se sei patito di calcio e per te essere tifoso non preclude la possibilità di vedere anche altre squadre, puoi comprare un biglietto per una partita del Genoa o della Sampdoria (facciamo solo Genoa vah, detto da una genoana nel cuore)!

Lo stadio comunale Luigi Ferraris ospita le partite di serie A ed è posizionato nel cuore della città, non ti sarà difficile raggiungerlo.

20 – Il cimitero monumentale di Staglieno

cimitero monumentale di staglieno

Prima o dopo una bella partita di calcio allo Stadio Ferraris, potrai andare a visitare il cimitero monumentale di Staglieno.

È un’opera architettonica immensa, che onora non solo i defunti che in essa riposano ma che consta di statue ed opere d’arte degne di attenzione.

Il cimitero monumentale di Staglieno è uno dei principali cimiteri d’Europa, ospita tombe di personaggi illustri genovesi e cappelle monumentali dai vari stili architettonici.

21 – L’aperitivo nel caratteristico borgo di Boccadasse

boccadasse

Perché non rilassarti un po’ gustandoti un buon aperitivo vista mare?

Boccadasse è un caratteristico borgo marinaro genovese posto lato a levante rispetto alla lunga passeggiata sul mare di Corso Italia.

Nel borgo di Boccadasse potrai ammirare le caratteristiche casette colorate che un tempo furono dei pescatori, una piccola spiaggia con ormeggiate barche e gozzi, gelaterie, piccoli esercizi che preparano piatti tipici e scogli facilmente accessibili da cui ammirare il mare.

22- La Passeggiata di Nervi

passeggiata di nervi anita garibaldi

Un altro gioiello del genovese è senza dubbio la Passeggiata Anita Garibaldi, meglio conosciuta come la Passeggiata di Nervi.

Due km circa di camminata a picco sul mare, sovrastando gli scogli caratteristici genovesi ti faranno rilassare e ti daranno un’impressione generale del levante cittadino.

Dalla Passeggiata di Nervi, oltre alla possibilità di usufruire di locali e punti ristoro, potrai scorgere il monte di Portofino a Levante e a Ponente immortalare il caratteristico porticciolo del quartiere di Nervi.

23 – I Parchi di Nervi

Il quartiere di Genova Nervi offre davvero tante bellezze, una delle quali riorganizzata e migliorata in occasione di Euroflora 2018: i parchi.

Questa splendida area verde cittadina offre zone relax, giochi per bambini, natura e scoiattoli in un dislocarsi di viuzze circondate da prati e rose.

Dai parchi di Nervi, inoltre, è possibile accedere ai musei del Parco: la Galleria d’arte moderna, la Wolfsoniana, le Raccolte Frugone e il Museo Giannettino Luxoro.

24 – Camogli e San Fruttuoso

camogli e san fruttuoso

Se stai progettando di visitare la città, devi assolutamente salire su un treno diretto a Levante destinazione Camogli!

Questo piccolo comune offre un panorama unico, indimenticabile e riconoscibile tra mille. Piccole case colorate, caratteristici ristorantini sul mare, una chiesetta arroccata e un porticciolo affascinante: Camogli è un caratteristico borgo di pescatori imperdibile!

Dal porticciolo, inoltre, partono piccole escursioni in battello per visitare l’abbazia di San Fruttuoso, una splendida location situata in un’insenatura caratteristica e molto suggestiva.

⇒ Qui trovi il Biglietto per entrare nell’Abbazia di San Fruttuoso (senza trasporto – ma puoi prendere il traghetto da Genova)

E se decidi di passare la serata a Camogli ti consiglio di andare a gustare un rum al pub del Pirata.

25 – Il Cristo degli Abissi

Il Cristo degli Abissi è una statua di bronzo situata a 17 metri di profondità sotto al livello del mare nello specchio d’acqua antistante la basilica di San Fruttuoso, tra i comuni di Camogli e Portofino.

Chiaramente visibile anche dal battello, è una scultura particolarmente suggestiva, posizionata negli anni Cinquanta è meta di numerose immersioni subacquee nel Mar ligure.

26 – Impara il significato della parola Belin

Se vieni a Genova sentirai tante di quelle volte pronunciare la parola belin da noi genovesi che sicuramente ti chiederai cosa voglia dire.

Sentirai belin intercalato probabilmente ogni 2 o 3 parole!

Non è facile da spiegare ma ci proverò. Letteralmente il belin è ehm l’organo riproduttivo maschile, ma non soffermarti su questo, per noi ha un significato totalmente diverso (anzi tanti significati diversi).

Pensa solo che noi lo usiamo tipo in questi casi (ma ce ne sono infiniti… credo)

  • Bàttisene u belìn (fregarsene)
  • Mi sono imbelinato giù dalle scale (caduto)
  • Ma cosa ha imbelinato quello (combinato)
  • Quel tipo è proprio abelinato (scemo)
  • Ti devi desbelinare (svegliarsi nel senso di levarsi dai guai)
  • Me n’imbelino!!! (perbacco!)
  • Pe’ in bellu belin (proprio per niente)

La parola belin è così importante per noi che ne abbiamo anche fatto un verbo!

Sicuramente avrai molto da fare visitando Genova, non dimenticare che potrai spingerti nella provincia visitando anche la celeberrima Portofino.

Sei pronto ad immergerti tra tradizione, focaccia e pesto?

0 comments… add one

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Get a weekly email with best free content
Subscribe