PimpMyTrip.it - Viaggi Avventura > Blog > Viaggi Avventura > Sud America > Cosa vedere (e cosa no) in un viaggio in Ecuador

Cosa vedere (e cosa no) in un viaggio in Ecuador

– Posted in: Sud America

Queste cose da vedere e non in Ecuador sono state alcune tappe del mio viaggio per cui le impressioni sono del tutto personali ed inoltre non coprono assolutamente tutto quello che questo vario paese può offrire.

D’altra parte sono stati tutti luoghi che ho visitato personalmente e dei quali scrivo con sincerità.

Quito

cosa vedere in Ecuador Quito

Cosa vedere in Ecuador: La basilica del voto Nazionale di Quito

Sicuramente un paio di giorni a questa città consiglio di dedicarglieli. Il centro in stile coloniale (Patrimonio Unesco dell’Umanità) è davvero carino, ricco di chiese e monumenti tra cui di spicco la Plaza de San Francisco e la Chiesa che ne rappresentano il fulcro. La straordinaria e neogotica Basilica del Voto Nazionale è un must e anche la vista della città che si gode dalla sua torre. Un’altra vista sulla città e sui vulcani e monti intorno a Quito che merita è quella che si gode prendendo il TeleferiQo che porta quasi sulla cima del vulcano Pichincha.

Quito è dunque un buon punto di partenza per un viaggio in Ecuador in cui passare un giorno o due per acclimatarsi alle grandi altitudini della catena andina

Mercato di Otavalo

cosa non perdere mercato otavalo

Mercato di Otavalo

Il più grande mercato di artigianato di tutto il sud-america vale sicuramente un giorno di visita. Al mercato si può trovare di tutto: tappeti, maglioni, coperte e altri tessuti in splendida lana di alpaca, oltre ad animali e generi alimentari. Il giorno piu’ importante e’ il sabato quando le bancarelle occupano tre piazze diverse, ma anche negli altri giorni si possono fare ottimi acquisti anche se il mercato si tiene in forma ridotta.

Nariz del Diablo

Una delle più grosse delusioni che io abbia mai avuto in viaggio. Non c’è più nulla di romantico nel piccolo treno che da Alausì percorre il tratto di ferrovia lungo la famigerata Nariz del Diablo. Diventato a tutti gli effetti un’attrazione turistica, può definirsi una vera e propria trappola commerciale visto che obbligano i turisti a stare un’ora in una stazione dove, a parte un piccolissimo museo, non c’è assolutamente niente se non due bar e il classico spettacolo finto fatto ad hoc per acchiappare soldi. Non credete alla storia del viaggiare sul tetto (non lo fanno più fare dal 2009!) in questo articolo vi racconto quello che davvero troverete là.

Riobamba

Cosa vedere Chimborazo Ecuador

Chimborazo

Riobamba in sè non è una bella città da visitare, ma offre suggestive vedute sul Chimborazo che con i suoi 6310 metri domina tutta la regione. Da Riobamba partono diverse strade panoramiche e al sabato si svolge un divertente ed allegro mercato di bestiame.

Cuenca

La solare  Cuenca è davvero un bomboniera, una delle cose assolutamente da vedere in Ecuador. Molto bella la piazza Plaza Abdon Calderon incorniciata da palazzi coloniali e dalla maestosa chiesa, simbolo di Cuenca, dalla quale si ha una bella vista a 360° della città. Mi è piaciuto molto anche il Museo della Banca Centrale, sul bordo sud-orientale del centro coloniale, nel sito attuale degli scavi di Tomebamba. Le rovine possono essere viste presso il Parco Archeologico Pumapungo, che fa parte del complesso museale.

Nel Museo si tiene anche una mostra etnografica molto interessante. Impressionanti le Tsantsa ovvero le teste rimpicciolite, culto delle popolazioni Jivaros dell’ amazzonia Ecuadoriana.

cupole cattedrale cuenca

Le cupole della cattedrale di Cuenca

Baños

Ideale per rilassarsi un paio di giorni, Baños è un importante centro termale del paese. Bellissime le terme notturne (pubbliche) all’aperto con la cascata di acqua calda che scende direttamente dal vulcano Tungurahua che oltre ad essere maestoso è anche uno dei vulcani più attivi del mondo. Da Baños si possono fare belle escursioni in bicicletta verso la foresta amazzonica.

Galapagos

cosa vedere galapagos

Tartaruga gigante sull’isola di Santa Cruz, nell’arcipelago delle Galapagos

Non credo ci sia bisogno di presentazioni per le isole di Darwin. Ho vissuto una settimana straordinaria nuotando con squali, leoni marini, tartarughe e miliardi di pesci colorati. Se volete leggere qualcosa di più vi possono interessare: Come organizzare un viaggio alle Galapagos e Le mie emozioni a caldo articolo scritto subito appena tornata a casa.

Laguna Quilotoa

Laguna Quilotoa Ecuador

Laguna di Quilotoa

Assolutamente da visitare, la laguna di Quilotoa toglie davvero il fiato. La laguna, un vetro di acqua verde-azzurra si è formata all’interno di un caldera di 3 km di diametro collassata in seguito ad una violenta eruzione circa 800 anni fa. Per arrivarci è necessario attraversare il paese andino di Zumbahua molto caratteristico in cui fanno un bellissimo mercato di bestiame. Da non perdere

Guayaquil

Principale città come popolazione e principale centro finanziario del paese è una città di scarso interesse turistico: Guayaquil infatti non possiede monumenti del periodo coloniale degni di nota a causa di un incendio nel 1896 in cui il suo patrimonio artistico andò totalmente perduto. A meno che non si scelga di arrivare a Guayaquil come porta principale per poi volare alle Galapagos oppure a meno che non abbiate un sacco di tempo a disposizione per il vostro viaggio, non consiglio di visitarla.

Siete stati in Ecuador e volete suggerirmi altre cose da vedere? Scrivetemi nei commenti, grazie!

 

Ti Potrebbero anche piacere:

isole galapagos
27 comments… add one

Leave a Comment