Visita alla Cattedrale di Siviglia: Informazioni e Curiosità

La Cattedrale di Siviglia e la Giralda (la sua torre campanaria) sono tra i monumenti storici più importanti della città andalusa di Siviglia.

La grande Chiesa e il suo campanile sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e oggi sono tappa imperdibile per i turisti che visitano la città.

visita-cattedrale-siviglia

In questo post trovate tutte le informazioni utili per pianificare la tua visita.

Cattedrale di Siviglia e Giralda: un po’ di storia

La storia della Cattedrale di Siviglia e della Giralda affonda le sue radici in tempi lontani.

Nel 1182, sul terreno oggi occupato dalla Chiesa, veniva inaugurata la moschea di al-Moharrem. L’edificio, però, meno di 100 anni dopo, nel 1248, passò in mano all’arcidiocesi cristiana del Regno di Siviglia intenzionata a erigere una nuova e splendida Chiesa.

Nel 1433 iniziarono i lavori di demolizione della moschea e immediatamente si cominciò a costruire quella che sarebbe diventata una delle Chiese gotiche più grandi del mondo.

I maestri Ysambret e Carlín progettarono un edificio maestoso capace di rispecchiare la volontà di costruire una Chiesa mai vista prima.

Si racconta che a Siviglia si dicesse: “Hagamos una obra tal y tan grande, que las generaciones venideras nos tomen por locos”.

Quell’opera è stata compiuta e la Cattedrale di Siviglia, lunga 116 metri e larga 76, fu consacrata nel 1507. Della grande moschea innalzata qualche secolo prima rimase solo il minareto, l’odierna Giralda.

Ricordati che gli orari di apertura della Cattedrale possono subire variazioni a causa delle celebrazioni liturgiche, perciò la cosa migliore è consultare il calendario sul sito ufficiale della Cattedrale di Siviglia.

Orari di apertura

cattedrale-siviglia-orari

Di Delpixe / Shutterstock

Il prezzo del biglietto della Cattedrale di Siviglia include la visita alla Chiesa, alla Sacrestia, alla Sala Capitolare, al Tesoro, alla Giralda, al Patio de los Naranjos e alla Chiesa del Salvador che si trova a 600 m dalla Cattedrale in piazza del Salvador.

La Cattedrale di Siviglia è aperta:

  • Lunedì: dalle 11:00 alle 15:30.
  • Da martedì a sabato: dalle 11:00 alle 17:00.
  • Domenica: dalle 14:30 alle 18:00.

La Cattedrale di Siviglia è chiusa:

  • 1 gennaio;
  • 6 gennaio;
  • 25 dicembre.

Come arrivare

Arrivare alla Cattedrale di Siviglia è semplicissimo e la soluzione migliore è approfittare di una passeggiata nel centro storico.

In alternativa potete prendere:

  • La Metro e fermarvi con la Linea 1 a Puerta de Jerez;
  • Il bus con le linee C4, C3, 5, 41, 42, C1 e C2 e fermarvi a Jardines del Cristina.

Biglietti online e prezzi

cattedrale-siviglia-biglietti

Di kavalenkau / Shutterstock

I biglietti più economici per la Cattedrale di Siviglia sono venduti online. Tour e combinazioni con il Real Alcazar sono ottime opzioni. L’ingresso gratuito è possibile il lunedì.

Il biglietto per la Cattedrale di Siviglia costa:

  • 9 € con il biglietto intero;
  • 4 € con il biglietto ridotto per pensionati e studenti fino a 25 anni;
  • GRATIS per i residenti nella Diocesi di Siviglia; minori di 14 anni accompagnati da un adulto; disabili con percentuale superiore al 65%; disoccupati.

Il Lunedì dalle 16:30 alle 18:00 l’ingresso alla Cattedrale è gratuito.

Il biglietto base include l’ingresso in ogni parte della cattedrale: l’interno della cattedrale, le sagrestie, la sala capitolare, la tesoreria, il campanile della Giralda e il cortile degli aranci.

Comprende anche l’ingresso alla Chiesa del Divino Savour (El Salvador), una grande chiesa barocca a pochi isolati a nord della cattedrale.

Fai click QUI oppure QUI per acquistare il biglietto online con opzione Salta la Fila per la Cattedrale di Siviglia

Qui invece puoi acquistare il biglietto combinato Salta la fila della Cattedrale, Giralda e Alcazar

Tour della Cattedrale e della Giralda

visita-cattedrale-siviglia-giralda

Sono tantissimi i tour offerti dalle agenzie. Personalmente consiglio quasi sempre una visita guidata quando si tratta di luoghi di arte e cultura: avere a propria disposizione una guida in carne e ossa ci aiuta a scoprire tanti particolari e curiosità che altrimenti non verremmo mai a conoscere.

I tour di base della cattedrale di Siviglia hanno in genere una durata di 60, 75 o 90 minuti ma alla fine del tour è possibile nella maggior parte dei casi rimanere più a lungo nella Cattedrale, se lo si desidera.

La scelta migliore a mio parere è quella di acquistare un tour combinato che includa anche la Real Alcazar.

☞ Clicca per vedere visita guidata in italiano della Cattedrale

☞ Clicca per vedere Visita guidata in italiano della Cattedrale di Siviglia con Giralda e Alcazar (con biglietti di ingresso INCLUSI)

Cosa vedere

Se hai deciso di visitare la Cattedrale di Siviglia e la Giralda potresti essere interessati a partecipare a un tour guidato in italiano così da poter apprezzare tutti i tesori conservati al suo interno. Di seguito, comunque, vi spiego cosa vedere assolutamente durante la vostra visita.

La visita dovrebbe durare da 90 minuti a 2 ore.

Cosa vedere all’interno della Cattedrale di Siviglia

cattedrale-siviglia-interno

Di b-hide the scene / Shutterstock

L’interno della Chiesa rispecchia pienamente il suo stile gotico ed è composto da cinque navate che compongono perfettamente un rettangolo. La pianta della Cattedrale di Siviglia è identica a quella dell’Alhambra di Granada.

La sua grandezza lascia davvero senza parole.

La navata centrale

La navata centrale è gigantesca e unisce il coro, affiancato dagli organi, con la Cappella Maggiore dove si trova l’altare.

La navata ha un’altra peculiarità: è divisa in tre sezioni corrispondenti alle classi sociali medievali. Abbiamo, quindi, la navata di re Ferdinando III, la crociera (è la sezione con le volte più alte) e il retro-coro.

Le tre parti si riferivano alle posizioni occupate durante le Messe: la prima era riservata ai re, la seconda agli ecclesiastici e, infine, la terza era destinata al popolo.

Le cappelle

All’interno della Cattedrale sono presenti ben 25 cappelle. Quelle degne di nota sono 3: la Capilla Real, la Capilla Mayor e la Capilla de San Andrés.

All’interno della Cappella Maggiore si trova il più grande retablo (la pala d’altare) del mondo: fu iniziato da Pedro Dancart e per completarlo ci si impiegarono 82 anni, dal 1482 al 1564.

È un capolavoro incredibile che lascia carichi di meraviglia!

La Tomba di Cristoforo Colombo

La Tomba di Cristoforo Colombo è certamente una delle attrazioni principali per chi decide di visitare la Cattedrale di Siviglia.

L’ubicazione dei resti di Colombo è sempre stata molto dibattuta. Alcuni anni fa, però, dopo attente analisi, tra cui la comparazione del DNA con quello dei resti certi del fratello di Colombo, hanno dimostrato che spoglie conservate all’interno della Cattedrale spagnola appartennero sicuramente all’esploratore.

Il monumento rappresenta quattro figure (a raffigurare i quattro Regni di Spagna) che sorreggono il feretro.

La Sacristía de los Cálices e la Sala Capitolare

All’interno della Chiesa sono custoditi numerose opere d’arte e alcune delle più importanti trovano spazio nel magnifico Tesoro della Cattedrale.

All’interno della Sacristía de los Cálices si possono ammirare alcune bellissime pitture religiose. Tra tutte spicca Santa Justa e Santa Rufina di Goya.

All’interno della Sala Capitolare, invece, si trova La Immaculada del Murillo.

La Cubierta de la Catedral (I tetti della Cattedrale)

La salita ai tetti della Cattedrale è un’esperienza davvero unica.

La visita è guidata e vi permetterà di scoprire la storia della Chiesa e della sua costruzione attraverso una prospettiva diversa e caratteristica. In più, dall’alto della Cattedrale, avrete modo di ammirare un bellissimo panorama sulla città.

Il biglietto per la visita ai tetti della Cattedrale costa 15 € e include la visita guidata di circa 90 minuti e la possibilità di visitare anche l’interno della Cattedrale.

Cosa vedere all’esterno della Cattedrale di Siviglia

cattedrale-esterno-tetto

Di agsaz / Shutterstock

La tua visita alla Cattedrale di Siviglia non si può dire completa se non dopo aver trascorso un po’ di tempo anche all’esterno della Chiesa per apprezzarne totalmente la bellezza.

La facciata principale

Sulla facciata principale è quasi obbligatorio fermarsi a osservare i tre portoni decorati magistralmente: la Puerta de la Asunción, la Puerta del Nacimiento e la Puerta del Bautismo.

Patio de los Naranjos

Il Patio de los Naranjos fu costruito a partire dal 1172 e fungeva originariamente come cortile delle abluzioni per l’antica Moschea. Oggi si trova all’esterno della Chiesa e ha la funzione di Chiostro.

Dalla strada si entra al suo interno attraverso Puerta del Perdón, una porta originaria della moschea di al-Moharrem.

La Giralda

cattedrale-siviglia-giralda

Di lunamarina / Shutterstock

Dopo aver visto la Cattedrale potrai dedicarti alla visita della Giralda, il suo campanile.

La Giralda di Siviglia è l’antico minareto della Moschea, è alta quasi 105 metri e la sua base misura intorno ai 13 metri per lato: come per la Cattedrale, le sue dimensioni imponenti non possono che stupire il visitatore.

La sua costruzione iniziò alla fine del 1100 e nei secoli successivi il suo aspettò fu più volte rinnovato.

Un tempo sulla sommità erano presenti delle sfere di bronzo, ma dal 1568 si può vedere El Giraldillo, una statua che rappresenta il Trionfo della Fede. In realtà il vero nome della statua era Giralda, perché girava al vento. Con il tempo, però, si iniziò ad usare questa parola per riferirsi all’intera torre campanaria: la Giralda di Siviglia.

All’interno della torre non sono presenti scale, ma bensì 34 rampe grandi tanto da permettere il passaggio di due uomini a cavallo. Queste, infatti, permettevano al muezzin di salire sulla torre in sella a un cavallo per intonare il canto di richiamo alla preghiera.

La Giralda di Siviglia rappresenta ancora oggi un incredibile esempio di arte islamica, capace di meravigliare, incuriosire e sorprendere chiunque sia in visita nella città andalusa. La parte bassa è rimasta quella antica, mentre, alzando lo sguardo riconoscerai lo stile neogotico più recente che si rifà a quello della Cattedrale.

Curiosità sulla Cattedrale

Nel caso su dove si trovino i resti di Colombo, c’è in realtà molta incertezza. Morì a Valladolid (Spagna) nel 1506 e vi fu sepolto per la prima volta. Poi, le sue spoglie furono trasferite al Monastero di Santa María de las Cuevas (oggi Centro di Arte Contemporanea), da lì all’isola di Hispaniola (oggi Repubblica Dominicana) nel 1542. Nel 1795 la Francia invase l’isola e furono trasferite a L’Avana ( Cuba). Alla fine, quando Cuba divenne indipendente, i resti furono spostati nella cattedrale di Siviglia.

Tuttavia, alcuni sostengono che è ancora sepolto nella Repubblica Dominicana, dopo che una scatola con frammenti di ossa e un’iscrizione è stata trovata lì nel 1877. Nonostante le indagini sul DNA siano eseguite solo a Siviglia (le autorità domenicane non hanno permesso la riesumazione), è ancora un mistero se la tomba di Cristoforo Colombo contiene davvero i suoi resti…

Fernando III di Castiglia fu re dal 1199 al 1252, prima di Castiglia, poi di León e infine di Galizia (diverse regioni della Spagna). Fu uno dei primi re ad unire i regni del Medioevo. Fu canonizzato nel 1671 e divenne San Fernando (San Ferdinando) o Fernando el Santo (Ferdinando il Santo).

La Cattedrale di Siviglia è circondata da piccole colonne collegate da enormi catene. Queste catene furono collocate nel 1565 per impedire ai mercanti di entrare nel tempio con i loro cavalli quando il tempo era brutto.

Ha anche segnato i confini dei luoghi sacri, dove la giustizia civile non poteva essere eseguita. La gente andava lì in cerca di protezione e redenzione.

La corona della Vergine dei Re (Virgen de los Reyes) ha 11.960 pietre preziose ed è realizzata in oro a 22 carati.

La Cattedrale è anche nota per l’attentato nel 1998 in cui persero la vita due persone. L’attentato è stato attribuito ai terroristi baschi.

All’esterno della Cattedrale probabilmente incontrerai qualche zingara che cercherà di metterti in mano un rametto di rosmarino: non si tratta di un’usanza locale, ma di un modo per spillarti dei soldi!

0 comments… add one

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.