PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image
PimpMyTrip.it - Viaggi Avventura > Blog > Consigli di Viaggio > Vaccinazioni in viaggio e consigli sul web, usiamo il buonsenso!

Vaccinazioni in viaggio e consigli sul web, usiamo il buonsenso!

– Posted in: Consigli di Viaggio

Viaggi e web, quale miglior connubio?

Ormai su internet abbiamo la possibilità di organizzare il nostro viaggio, dal comprare i voli aerei (magari vi interessa il mio articolo su come trovare voli economici), alle prenotazioni alberghiere, all’avere ogni genere di informazioni sui luoghi, su come spostarsi, su cosa fare e chi più ne ha più ne metta.
C’è addirittura chi non compra neanche più la Lonely Planet ma parte con plichi di fogli scaricati da internet e poi stampati.

E se ancora non fossero sufficienti i blog di viaggio, i siti web delle agenzie, i forum di discussione, da qualche tempo (da un bel po’ di tempo a dire il vero) su facebook si sono anche creati dei bellissimi gruppi di persone tutte accumunate dalla nostra stessa passione che si scambiano consigli di viaggio, racconti, opinioni e informazioni.

viaggiatori-fai-da-te

Immagine di copertina del gruppo “viaggiatori fai da te” su facebook

Tutto questo sarebbe davvero fantastico se non fosse che, come sempre, in mezzo a tante persone guidate da buona volontà e tanta conoscienza (e coscienza), c’è anche chi dispensa consigli, come dire, “ad cazzum” tanto per dirla tutta e queste persone, scusatemi, sono pericolose!

E non sarebbe neanche tanto grave la faccenda se non fosse che in alcuni casi in gioco c’è semplicemente niente-po-po-di-meno-che la vostra salute (attenzione, la vostra salute, non la loro).

Io anche non sono un medico quindi non posso dirvi se e quali vaccinazioni fare in viaggio, posso solo consigliarvi di stare molto attenti quando chiedete informazioni su alcune questioni delicate come questa.

Intanto per cominciare porre la domanda “ma voi li consigliate le vaccinazioni in viaggio?” è una domanda che, posta così, a mio avviso vuol dire poco.  Se fare i vaccini oppure no in viaggio dipende da vari fattori:

  •   Dove andate?
  •   Quale itinerario? (India dice poco, è un subcontinente e il rischio di alcune malattie è diverso da nord a sud)
  •  Quanto dura il viaggio, quindi per quanto tempo vi esponete al rischio di ammalarvi?
  •  In quale periodo viaggiate?
  •  Che tipo di viaggio fate, quanto vi esponete al rischio di alcune malattie? Per esempio i divoratori di street food saranno un po’ più a rischio di chi mangerà sempre in ristoranti di superlusso, o se farete trekking nella giungla sarete esposti diversamente che se state in un resort sul mare.

Quindi se la domanda non contestualizzata in sè ha poco senso, ancora meno senso avranno le risposte che vi verranno date.
Ponderate! Quando qualcuno vi risponde domandatevi:

  • A che titolo questa persona mi dà questo consiglio? (il salumiere vende salami, l’ingegnere costruisce case, il parrucchiere vi fa la messa in piega, lasciamo ad ognuno il suo mestiere)
  •   Effettivamente quanta esperienza di viaggio ha questa persona?
  •   Posso essere sicura che quello che dice sulla sua esperienza sia vero? (Sì non vi stupite, sapete quanti venditori di fuffa ci sono? Persone che dicono di essere stati 10 volte qui, 20 volte di là e poi magari non sono mai usciti da casa loro)
  • La risposta che mi dà è di buonsenso oppure no?

E soprattutto ponete molta attenzione anche quando vi vengono date risposte del tipo “io mi curo con le erbe” oppure “io non ho mai fatto nessuna vaccinazione e non mi è mai successo niente”.
Per la prima risposta “io mi curo con le erbe” vi dico la mia: le erbe le uso anche io, ma per curarmi il raffreddore! Le erbe non vi curano contro alcuni tipi di malattie, quindi lasciatele perdere!

street-food-india

Street Food in India

La seconda risposta “io non ho mai fatto nessuna vaccinazione e non mi è mai successo niente” è la più infida di tutte. Io non riesco a capire che cosa vuole dire una risposta del genere. Vuol dire fateli?  Vuol dire non fateli? Insomma (Mi si drizza il pelo ogni volta che la leggo) secondo voi che senso ha?

  •  Questa persona dove ha viaggiato? Se vado in India o Tanzania e lei al massimo è stata in Europa, la sua risposta ha senso?
  • Questa persona ha viaggiato solo con tour operator che l’hanno scarrozzata a mangiare nei  ristoranti ad hoc per i turisti? Io mangio street food. La sua risposta ha senso?
  • Ha avuto un gran cu… va beh avete capito, ma se io non ho la stessa fortuna mi ammalo? Ha senso?
  • E’ folle e quindi indovinate? Esatto! Ha senso?

Secondo me NO, una risposta come quella “a me non è mai successo niente” non ha alcun senso!

vaccini-viaggio

Vaccinarsi in viaggio si o no?

Quindi a mio parere quando si parla di vaccinazioni per un viaggio sono 4 regole da tenere sempre a mente:

  1. Qualsiasi consiglio ottenuto da uno sconosciuto sul web non deve mai, mai, mai in nessun caso sostituire il parere di un medico! Ricordate che, nonostante quello che viene detto, il medico è un professionista che ha studiato ed è preparato APPOSTA per prendersi cura della vostra salute.
  2.  L’ esperienza singola di ognuno di noi non può e non deve diventare la regola!
  3. Chi non ricorda la fatidica frase “prevenire è meglio che curare”?
  4. Ricordate i vaccini vi salvano la vita!
viaggiare-sicuri

Viaggiare sicuri

Quindi fare oppure no le vaccinazioni prima di partire per un viaggio? La risposta è DIPENDE da tanti fattori, dove andate, come ci andate, quando ci andate, in poche parole usate il buonsenso e chiedete sempre il parere di un professionista, anzi sentite il parere anche di due o tre professionisti se il primo non vi convince!
Nessuno vi dice di non chiedere sui forum, fatelo tranquillamente, discutete, divertitevi, chiedete ma ponderate sempre le risposte e soprattutto chiedete poi il parere del vostro medico.
E non dimenticatevi mai mai mai che la salute è solo e soltanto vostra.

Io mi proteggo e voi? Le vaccinazioni prima di partire per un viaggio le fate?

Ti Potrebbero anche piacere:

templi-giainisti-ranakpur
india cosa vedere
27 comments… add one
Silvia

Amen!
Concordo in pieno e su tutto (nervoso incluso!).
Faccio le vaccinazioni consigliate dal medico e i relativi richiami, non salto mai la profilassi antimalarica quando consigliata, consulto il sito “Viaggiare Sicuri” prima di ogni viaggio e mi iscrivo sempre a “Dove siamo nel mondo”.
È anche vero che viaggiando come viaggiamo noi due sarebbe vera demenza il non farlo!
Neppure a me è mai successo nulla, ma se succede?

martina santamaria

Ciao Silvia! Esatto! Tra l’altro credo che se uno vuole non proteggersi è libero di farlo, ma non consigliarlo ad altri… ma in coscienza, come si fa?

patrick

Parlo per esperienza personale. Partire preparati e non sottovalutare i rischi. Questo non vuol dire andare in paranoia su qualsiasi cosa ma tenersi conttollati e andare a fare un colloquio all’ausl prima dei viaggi impegnativi.
Non ci si pensa davvero fino a quando non succede qualcosa ma se succede qualcosa – e può succedere comunque anche se si è preparati – è un bel guaio.

martina santamaria

Esattamente! Meglio prevenire che curare! Se non è successo niente agli altri non è assolutamente detto che non succeda a noi! Ho sempre paura di affrontare questi argomenti, ma quando leggo certe risposte sul web mi parte l’embolo, non si deve diventare paranoici ma neanche fregarsene, la salute è importante (e quando poi non c’è più si piange!)

Tam

Concordo in toto…già sai 😉 Aggiungo una cosa che a me fa rabbrividire (e incavolare) e cioè coloro che dicono: beh ma tanto vado in un villaggio, lì è tutto controllato!! Certo…la zanzara anofele (cioè quella che provoca la malaria) sicuramente lo saprà che tu vai in un villaggio e quindi ti starà lontana (e non c’è disinfestazione che tenga). No comment!

martina santamaria

Tam meno male eh eh eh… la profilassi è un argomento molto delicato che ho preferito non affrontare in questo contesto (il post sarebbe diventato talmente lungo, diciamo che la malaria ne meriterebbe uno dedicato) ma ti dò assolutamente ragione. non si deve essere paranoici, ma neanche superficiali!

Juri

Ciao Martina.
Il tuo post non lo trovo affatto “polemico”, bensì “anti-ciarlatani”, una categoria di personaggi che si sta moltiplicando a vista d’occhio e dalla quale è bene stare lontani e diffidare.
Rispondo alla tua domanda finale sulle vaccinazioni e sulle “protezioni” da adottare in genere durante un viaggio iniziando col dire che sono perfettamente d’accordo con te sul “dipende”; i luoghi da visitare e le cose che si prevedono di fare in loco contano pesantemente sulla mia scelta finale.
Parlando ovviamente delle vaccinazioni “facoltative” (poichè quelle obbligatorie vanno fatte assolutamente) posso dirti che ho sempre fatto l’antimalarica per un paese come il Kenya, anche durante un soggiorno solo mare perchè non si sa mai. Mi sono sempre trovato bene (ed il medico di famiglia ha approvato) non con i soliti e pesantissimi Lariam e Malarone (che sono anche molto costosi, tra l’altro) , ma con un farmaco chiamato Metakelfin che in prima battuta non esce dalla bocca di molte persone. Costa una cifra irrisoria, si compra con la ricetta bianca ed è un buon anti-malarico assolutamente non invasivo.
Per il resto ti confermo che la vedo esattamente come te: partire per un paese esotico senza alcuna precauzione può essere davvero molto pericoloso.

martina santamaria

Ahhhh Yuri meno male non sai come questo mi renda felice! Purtroppo guarda in coscienza mi domando come facciano certe persone a dire che i vaccini non servano, nel senso che se uno non li vuole fare sono affaracci suoi (poi si ammala e piange) ma addirittura consigliarlo agli altri mi sembra davvero una mancanza di coscienza incredibile! Urka di quel farmaco anti -malatria mai sentito nominare, adesso vado subito ad informarmi, grazie per la dritta (davvero utilissima) ! Un abbraccione!

Gloria

Commento solo per ridere: come mai hai scelto ab cazzum e non ad cazzum? Solitamente si usa ad minchiam, che è complemento di fine, io avrei usato anche in questo caso ad cazzum 😉

martina santamaria

ahahah perchè sono una capra! Corretto!

dueingiro.blogspot.it

Ah Martina! Intanto complimenti per l’argomento che secondo è proprio un gran argomento. Quante cose ci sarebbero da dire!! Per non dilungarmi troppo mi soffermo solo alle ultime domande.
Io mi proteggo e voi? Le vaccinazioni prima di partire per un viaggio le fate?
Noi ci proteggiamo si. Ma le vaccinazioni non le facciamo. Quasi mai.
Ho iniziato a viaggiare da quando avevo 20 anni, primo viaggio da sola in India. Sono andata dal medico delle medicine tropicali e mi ha fatto fare vari vaccini (tifo,colera,epatite b…). Non ci ho pensato troppo, andavo per trovare me stessa ed avevo altro a cui pensare, li ho fatti anche se ho avuto nei giorni dopo vari effetti collaterali. Mi aveva detto a tutti i costi di fare la profilassi antimalarica, ma c’era qualcosa che non mi convinceva, mi sono informata in mille modi e non l’ho fatta. Andata sul posto mi sono resa conto che non era necessario. Con l’andare degli anni i viaggi sono aumentati ed io sono cresciuta e cambiata. Ogni viaggio che intraprendo, ora con il mio compagno, mi informo in mille e mille e più modi e dato che Enzo non aveva l’epatite b, ha deciso di fare il vaccino dato è una malattia infima e molto rischiosa.
Ora ti rispondo in maniera esplicita alla tua domanda. Noi ci proteggiamo. Questo significa che cerchiamo di stare il più attenti possibili. Attenzione al cibo ed all’acqua e buon senso, molto buon senso nelle situazioni e nei luoghi e soprattutto informazioni in tempo reale del luogo.
E tu dici, si ok, quello lo faccio anche io. Bene, quello che noi guardiamo è anche come curare la malattia. Il tifo si può curare, il colera idem (il vaccino non è neanche più consigliato), la meningite anche e mi fermo qui perché per ora questi sono quelli che ci avevano consigliato e per i quali mi sono molto informata.
Lo so che è rischioso, lo so che forse ci prenderai per pazzi. Ma noi la pensiamo così. Se una malattia si può curare, meglio curarla che fare il vaccino.
Scusa l’esempio, ma è un po’ come fare i vaccini ai bambini piccoli. Si o no ? Per me è no, eventualmente si cura, ovviamente dove si può. Altrimenti ben venga il vaccino.
Con questo non voglio esagerare o fare la “figa”, se il vaccino è molto consigliato o la malattia è molto problematica ovviamente il vaccino lo facciamo, non ci pensiamo due volte. Quindi si, dipende anche dalla situazione che andiamo in contro ma in linea di massima è no ai vaccini. Con questo ti voglio solo far capire che ci sono modi diversi di vedere le cose ma non per questo siamo incoscienti. Forse il nostro modo è sbagliato, ma noi i vaccini non li facciamo, quasi mai.
Perché quasi mai ? Mica siamo scemi. Se c’è in atto un focolare di meningite in Nepal (per dire) e domani dobbiamo partire per il Nepal è ovvio che andremmo a farlo, o forse, conoscendoci, anche se abbiamo il biglietto aereo probabilmente neanche partiremmo per non farlo.
E poi potrei anche aprire tutta la questione dei medici delle malattia tropicali ed anche qui si aprirebbe un mondo. Quanto loro in realtà sono informati ? E come prendono queste informazioni ? Con dei libri vecchi di quanto ? Io qui nella mia zona non ho avuto una bella esperienza purtroppo, ma davvero eh!!! Ma ti rendi conto che volevano farci fare il vaccino della meningite perché nel 2013 c’era stato un piccolo focolaio in una zona che noi non andavamo neanche a toccare in Etiopia ? E ci siamo andati ad ottobre 2014 ?
Ed anche, come sono aggiornati gli Stati che andremo a visitare ? Le informazioni sono corrette ? Di quanto tempo fa sono le situazioni sanitarie che inviano in Italia ? Di questo proprio non lo so ma mi piacerebbe saperlo….
Per ora mi fermo qui e scusa se mi son dilungata, poi torno con un’altra cosa ;-)!

martina santamaria

Ragazzi troppo lungo rispondervi davvero! Io mi proteggo e credo che ognuno dovrebbe farlo. Se poi voi non lo fate vi auguro di non ammalarvi davvero mai, ma spero che in coscienza non andiate in giro sul web a consigliare alle persone di non vaccinarsi. Per quanto riguarda i medici, ripeto, preferisco credere a una persona che ha una professionalità, piuttosto che al primo che passa e che dice di aver viaggiato in tutto il mondo, anche perchè molti dicono di essere andati di quà e di là e poi scopri che non è assolutamente vero (e ti assicuro che dopo un po’ che si frequentano le persone anche sul web ti accorgi sul serio di chi mente e di chi dice la verità)

dueingiro.blogspot.it

Di certo non andiamo a dire nel web di non vaccinarsi. Purtroppo siamo talmente creduloni che non ci rendiamo conto se qualcuno mente o meno, ma speriamo di non incontrarlo mai, a sto punto!
Ricordo quando abbiamo messo alcuni consigli su come prevenire la puntura della zanzara portatrice della Malaria, ma non esorteremo mai e poi mai di non fare un vaccino, appunto, non siamo medici.

Mery

Ciao Martina,

davvero un bel post!

Concordo in tutto e per tutto!

Sono convinta che prima di partire vale la pena fare un salto al Centro per i viaggiatori internazionali della propria asl per informarsi sui rischi ai quali si va incontro viaggiando in una determinata realtà; certamente lì si trovano persone – o meglio medici! – competenti, in grado di dare consigli su vaccinazioni e profilassi.

Non mi sognerei mai di dare retta a qualcuno ( tanto meno sul web ) riguardo a questioni delicate come quelle inerenti la salute.

martina santamaria

Ciao Mery!
Vuoi sapere una cosa? Io la penso uguale identica a te e mi domando se davvero le persone pensano che i medici siano degli incompetenti…a me sembra un po’ un discorso da italiani! Io credo (e spero) che i medici siano persone preparate a curarci e a proteggerci!
Un abbraccione!

Monica I Viaggi di Monique

Martina ottimo post e ottimi consigli! Quante volte mi sento dire “io le vaccinazioni non le faccio perchè fanno più male che bene” …la cosa più difficile è che nel mio lavoro vengono consigliati i vaccini, ovviamente si consiglia il parere medico SEMPRE, ma quando il cliente fa di testa sua, poi torna ed è successo qualcosa, inspiegabilmente la colpa è dell’agenzia viaggi o del tour operator 🙁 Hai detto bene, serve il buonsenso come in ogni cosa, brava! Buoni viaggi a te PS: le mie erbe in viaggio sono le bustine di tè e tisane che mi porto dietro in valigia e poi come una pazza chiedo un bollitore in ogni albergo, non ho speranze 😉

martina santamaria

Caio Monique! Ma che bello un tuo commento! allora, grazie, meno male eh eh eh ci sono un sacco di persone (alcune hanno lasciato anche qui un commento) che non si vaccinano (e quelli sono affari loro) ma anche che consigliano di non farlo. Secondo me sono dei pazzi, io in coscienza non lo farei mai soprattutto perché’ magari di alcune malattie non si muore, ma possono davvero compromettere seriamente la nostra salute 😉
Anche io adoro i the, potremo fare uno scambio, ne ho portati un sacco da tutto il mondo 😉

dueingiro.blogspot.it

buongiorno ragazze! scusate se mi permetto, ma so che con te (Martina) lo posso fare. Non siamo dei pazzi. Sono semplicemente scelte. E’ diverso.

martina santamaria

Ho scritto che sono dei pazzi chi consiglia agli altri di non vaccinarsi (forse hai letto male il mio commento), mi sembra che tu abbia scritto che voi non lo fate o no?

dueingiro.blogspot.it

Ho inteso chi non si vaccina, no chi consiglia di non vaccinarsi 🙂 .

martina santamaria

eh eh eh nessun problema 😉 malinteso chiarito 😀

Emanuela

a proposito di malaria..vedo che anche i medici hanno pareri piuttosto discordanti: sono stata in Kenya a fine Agosto e, prima di partire ero andata dal medico per chiedergli se dovevo fare il vaccino antimalarica..risposta:
“l’antimalarica è peggio che prendere la malaria stessa, quindi ti sconsiglio vivamente di farlo”.
E’ vero che sono andata in una località di mare , non era la stagione delle piogge, e l’unico eventuale rischio poteva essere il soggiorno in safari. Che dire..mi sono fidata del mio medico..e spero che ,a distanza di due mesi ,non mi succeda niente!

Laura

Ciao a tutti! Noi siamo stati in India quasi 5 mesi tra Kerala, Karnataka, Goa Sri Lanka e Isole Andamane. Il mio ragazzo ha fatto i vaccini di epatite e tifo (mi pare) io invece…nulla! Abbiamo mangiato su foglie di banana lavate nel fiume, street food ogni giorno, a volte senza nemmeno il tempo di lavarsi le mani. Bevuto in bicchieri lavati solo con acqua. ..non abbiamo MAI avuto problemi. Io ogni giorno per abitudine anche in Italia prendo una soluzione idroalcolica di carciofo e credo sia stato un aiuto x depurare il fegato. Però io non la chiamo solo fortuna questa di non esserci mai ammalati. Anzi a essere sincera l’unico posto in cui siamo stati male è stato…nella missione delle suore perché ci davano l’acqua mal filtrata mentre loro si bevevano quella bollita!! Per il resto credo che la maggior parte dei dottori siano incompetenti, non sono aggiornati e forse pochi sanno che i vaccini possono far venire l’autismo (io ho un cugino che lo è anche se dalla nascita non sembrava). Inoltre come leggevo anche io, l’antimalarico è peggio della malaria una nostra amica l’ha fatto e dice le sembrava di impazzire. Ricordiamoci che si parla di Vita e i dottori giocano volentieri con la nostra vita facendoci paura e creandoci problemi iniettandoci vaccini che col tempo non sappiamo cosa scatenino nel sangue. Io credo nel buon senso e di certo evito le zone a rischio proprio x NON fare nessun vaccino a costo di non visitare un posto. Io sono contro le medicine e contro i medici per cattive esperienze. Mi spiace ma spero la mia testimonianza sia utile a qualcuno. Smettete vi prego di credere nei medici! E fate Buon viaggio!

rita

Ciao Martina molto bello il tuo blog e interessante la discussione sui vaccini.Chiedo un parere a te che gsi viaggiato in Argentina.Io e mio marito sf Aprile vorremmo visitare le cascate di Iguazu ma alla Medicina del viaggiatore hanno consigliato di far vaccino perché c’è in Brasile nel sud un’epidemia di febbre gialla.Mio marito ha la sindrome di Sjogren autoimmune il vaccino e’ controindicato.Siam rimasti proprio male!sul web c’è chi dice di non aver fatto il vaccino e che non serve perché a Iguazu non ci son casi.Non sappiamo cosa fare forse cambiamo destinazione.Il perito Moreno (al posto di Iguazu)sarà fattibile ad inizio Aprile?

Emarti

Ciao! Si ci puoi andare al Perito Moreno, ma copritevi che farà freddo! Avete comunicato al medico eventualmente che il vaccino è controindicato per tuo marito?

Rita

Grazie per la risposta.In efetti ci hanno detto che al perito moreno farà freddo e le giornate sono corte. Il periodo sarebbe migliore per Iguazu. Un’agenzia locale a Buenos Aires ci ha assicurato che ad Iguazu in questi mesi non ci son mai stati casi di turisti o locali ammalati per febbre gialla e che il luogo è sicuro. A questo punto pensiamo di andare utilizzando forti repellenti e comunque staremo solo 3 notti( 2 giorni pieni per vedere le cascate. Tu avevi fatto vaccino per Iguazu?Grazie della disponibilità a rispondere!

Emarti

Rita, io non sono stata ad Iguazu, ma secondo me in questo periodo, se usate repellenti (prendi anche il biokill lo trovi in farmacia e impregnaci i vestiti poi lasciali asciugare e indossali) secondo me non avrete nessun problema, in realtà io non ho mai sentito nessuno che per andare a Iguazu abbia fatto il vaccino per la febbre gialla.
E mettete vestiti chiari, le zanzare sono meno attratte dai vestiti che riflettono la luce!

Leave a Comment