PimpMyTrip.it – Viaggi Fai da Te Blog Trekking alla Valle del Cocora: Tutto Quello che C’è da Sapere

Trekking alla Valle del Cocora: Tutto Quello che C’è da Sapere

La Valle del Cocora, o Cocora Valley, si trova sulle montagne andine, fa parte del Parco Nazionale Los Nevados e ospita l’albero nazionale e simbolo della Colombia, la palma da cera.

Inutile dire che il modo migliore per godersi la Valle de Cocora è fare un’escursione.

Questo post spiega tutto ciò che dovresti sapere prima di fare trekking nella Valle del Cocora, con molti consigli pratici per organizzarlo al meglio.

trekking-valle-del-cocora

La Valle del Cocora è uno dei luoghi più incantevoli io abbia mai visto e una delle cose da non perdere in Colombia. Questa foresta pluviale è facilmente raggiungibile da Salento, una piccola città nel cuore della regione del caffè della Colombia, l’Eje Cafetero. Molte persone uniscono la loro visita di Salento a quella di questa splendida valle.

Ciò che rende così famosa la Cocora Valley sono le sue palme da cera, che qui possono raggiungere i 60 e anche i 70 metri. Questi alberi, noti come gli alberi nazionali della Colombia, sono in realtà a rischio di estinzione.

I panorami lungo il trekking alla Valle del Cocora sono eccezionali. Il paesaggio in questa parte della Colombia è semplicemente lussureggiante, con prati verdi come smeraldi punteggiati di cavalli che brucano pigramente l’erba. In un certo senso, ti ricorderà la Svizzera con la “leggera” differenza che invece di vedere abeti, vedrai le palme da cera.

Anche se i panorami sono sicuramente migliori in una giornata soleggiata, il tipico tempo nuvoloso e la pioggia di questa parte della Colombia danno alla valle un bagliore speciale, quasi misterioso. Sei nella foresta pluviale quindi aspettati di trovare la nebbia.

Quando fare trekking alla Valle del Cocora

quando-andare-valle-cocora

I mesi migliori sono da dicembre a marzo e da luglio ad agosto, il periodo più secco in assoluto, ma tieni presente che Salento e la Valle del Cocora sono famosi per il loro clima imprevedibile.

Io ci sono andata in una stagione non molto consigliata, Ottobre, e nei 3 giorni trascorsi li ho preso sole di giorno e acquazzoni terribili (mai vista venir tanta acqua giù tutta insieme) alla sera.

Di sera faceva anche freddo, regolati di conseguenza (io avevo un piumino leggero)

Come arrivare a Salento e alla Valle del Cocora

Come Arrivare a Salento

come-arrivare-salento

Il modo più veloce ed economico per raggiungere Salento e infine la Valle del Cocora è da Medellin. Medellin è a 6,5 ore di autobus circa: i bus sono nuovi e spaziosi.

Per raggiungere Salento da Medellin, è possibile prendere l’autobus diretto gestito da Flota Occidental che parte 4 volte al giorno dal Centro Comercial Terminal Del Sur.

Il costo dovrebbe aggirarsi intorno ai 45.000 – 50.000 COL a seconda della stagione e degli orari. Il viaggio dovrebbe durare “teoricamente” 6.5 ore.

Noi ce ne abbiamo messe quasi 10, a causa di lavori stradali e traffico alternato che ci ha costretti a volte a stare fermi in attesa per quasi un’ora.

La strada è una sola, si arrampica in mezzo alle montagne del Quindìo (mai fatte così tante curve!) ed essendo l’unica è trafficatissima. Ma gli scenari montani lungo il tragitto sono da togliere il fiato per la loro bellezza.

Acquista i biglietti con un paio di giorni d’anticipo perché si esauriscono in fretta. Lo puoi fare comodamente sul web dal sito della Flota Occidental.

Come Arrivare a Valle Del Cocora

come-arrivare-valle-cocora

Per raggiungere la Valle del Cocora da Salento, devi prendere la jeep locale (Willies) da Plaza de Bolivar. Le jeep partono ogni ora dalle 6:10 alle 17:00. Lo stesso vale per tornare indietro. La jeep dovrebbe costare circa 3700 – 4000 COP a tratta.

Sebbene a me avessero consigliato di partire il prima possibile per la Valle del Cocora, ammetto di non aver preso la prima jeep. Anzi alle 9 del mattino ero ancora in Piazza Bolivar ad aspettare che mi facessero salire a bordo.

La jeep ti lascerà nel grande parcheggio della Valle del Cocora. Al parcheggio troverai persone che offrono passeggiate a cavallo, una serie di piccoli negozi e un posto dove puoi noleggiare o acquistare stivali di gomma, cappelli e altre cose che potrebbero servirti per il trekking.

Trekking nella Valle Cocora

cocora-valley-trekking

Essenzialmente sono due i percorsi di trekking nella Valle.

Uno più breve (consigliato se non ti senti proprio in forma) che ti condurrà nella valle principale piena delle iconiche Palme da cera. il percorso dura circa un’ora, un’ora e mezza (andata e ritorno).

Il secondo trekking è un trekking di circa 5 o 6 ore, che ti porta dentro la foresta, su per le colline, per poi scendere nella Valle.

Qui sotto trovi la mappa della Valle con i due diversi trekking:

mappa-cocora-valley

Se dal parcheggio continui dritto lungo la strada prenderai il sentiero breve che ti porta direttamente nella Valle. Se invece giri a destra dove si trova il cancello di ferro blu, sceglierai il trekking più lungo.

Trekking breve

valle-cocora-trekking-breve

Se non ti interessa vedere i colibrì o se ti interessa solo vedere le palme, scattare qualche foto e ritornare a Salento, allora questo è il percorso che fa per te.

Una volta sceso dalla jeep, puoi camminare dritto lungo la strada asfaltata e continuare fino a quando la strada si trasforma in un sentiero sterrato. Questo percorso è incredibilmente semplice e dopo circa 30 minuti arriverai alla valle con un sacco di palme da cera che ti circondano!

Trekking lungo

valle-cocora-trekking-lungo

Io ho scelto di fare, in percorso antiorario, il trekking ad anello di 5/6 ore.

Anche se è il percorso più difficile, secondo me, questo è il modo migliore per fare un’escursione nella Valle Cocora.

Il punto più alto di questo percorso è a 2.860 m. Salento si trova a 1.900 m, il che significa che salirai di circa 1.000 m di altitudine.

valle-cocora-altitudine

La versione in senso orario è leggermente più semplice, con meno tratti in salita, ma arrivi subito al punto clou della giornata, la Valle appunto.

L’escursione in senso antiorario è sicuramente più dura, ma ti godrai l’incredibile sensazione di arrivare finalmente nella splendida e surreale valle come premio alla fine dell’escursione.

Per questo motivo, ti consiglio di farla come me in senso antiorario.

Per prendere questo itinerario, dal parcheggio devi proseguire per pochi metri sulla strada asfaltata fino al cancello blu che c’è a destra e che indica l’inizio del sentiero. Io non lo trovavo, poi ho seguito altri ragazzi più furbi di me.

Per orientarti comunque, la strada è quella che scende a destra vicino all’allevamento di trote.

Una volta imboccato il sentiero giusto, perdersi sarà impossibile perché è ben segnalato.

trekking-lungo-indicazioni

Nella prima parte il sentiero si snoda lungo il fiume in leggera salita attraverso prati e terreni agricoli (porta stivali, può diventare incredibilmente fangoso dopo la pioggia) per arrivare all’ingresso della foresta dopo circa 45 minuti.

Da qui proseguirai nella foresta per circa un’ora attraversando ponti sospesi (e a dirla tutta un po’ precari e traballanti) sul fiume fino ad arrivare ad un incrocio a T. Il sentiero a destra porta ad Acaime, la casa dei colibrì (prima fermata, vale la pena arrivarci) mentre quello a sinistra ti porta alla Montana, la seconda tappa.

cocora-ponti-sospesi cocora-ponti-foresta

Ricordati questo incrocio perché, se come me deciderai di andare alla Casa dei Colibrì, per continuare poi il tuo trekking dovrai tornare indietro fin qui.

Per arrivare alla Casa dei Colibrì dall’incrocio sono circa 15/20 minuti di salita spietata, ma ne vale la pena. Nella Casa potrai rilassarti, goderti la vista dei magici colibrì che sbattono rapidamente le ali e gustare un buon caffè colombiano (o una cioccolata) servito con un pezzetto di formaggio (delizioso!)

acaime-casa-colibrì

L’ingresso alla Casa dei Colibrì costa 5.000 COP (circa € 1.50) ma inclusa c’è una bevanda.

Dopo aver riposato alla Casa del Colibrì, torna indietro fino all’incrocio che ho menzionato prima. Non fare l’errore che ho fatto io di prendere la strada verso il Glacier!

Tornato indietro all’incrocio prosegui verso la seconda tappa: la Montana. Per arrivarci ti dovrai “arrampicare” in salita lungo la foresta e poi sulla collina. Io ci ho messo 2 ore anche se tutti dicono di esserci riusciti in una sola (io si vede non ero molto in forma).

la-montana

La Montana è un bellissimo punto di riposo con un ampio panorama del paesaggio circostante.

Qui, puoi rilassarti, goderti la vista e fare uno spuntino prima di continuare fino all’ultima parte cioè la parte per cui sei arrivato fin qui, l’area delle palme da cera!

Da La Montana la strada è carrabile e tutta in discesa, quindi finalmente potrai camminare godendoti i panorami eccezionali che regala. Lungo la strada, appena si apriranno gli alberi, inizierai a vedere le iconiche palme di cera che spuntano dai folti cespugli.

Lungo la strada ci sono alcuni punti di osservazione delle palme dove potrai fermarti e fare bellissime fotografie.

valle-cocora-viewpoint cocora-viewpoint-2

Da La Montana, ci vorranno circa 2-3 ore per tornare indietro fino all’ingresso dove potrai pranzare in un ristorante vicino al cancello o prendere la jeep per tornare a Salento.

Informazioni utili

trekking-valle-cocora-informazioni

Tasse escursionistiche

Il costo per percorrere entrambi i percorsi è di 4000 COP, che è poco più di un dollaro USA.

La tassa per entrare nella Cocora Valley è di altri 4000 COP.

Si può fare da soli?

I sentieri nella Cocora Valley sono abbastanza facili da seguire, quindi le escursioni possono essere fatte anche da soli.

L’unica cosa fai attenzione a non addentrarti nella foresta fuori dal sentiero. Potresti perderti e i cellulari non prendono!

Fai anche attenzione a non scivolare: il sentiero è fangoso. Porta scarpe da trekking affidabili.

Escursioni guidate

Alcune compagnie nel Salento offrono escursioni guidate nella Valle del Cocora.

Avendolo fatto da sola non so quale agenzia locale raccomandarti.

Però ho trovato qui su TRIPADVISOR dei tour organizzati con la guida che hanno un prezzo ottimo. alcuni sono tour privati, altri di gruppo e includono tutto (anche trasporto) oltre alla guida.

Un’altra alternativa è quella di chiedere al tuo hotel/ostello a Salento. Spesso gli ostelli organizzano questi tour per i loro ospiti.

Trekking a cavallo si o no?

Chi segue e legge questo blog sa quanto a me interessino gli animali e i tour turistici legati ad essi (ed in generale anche cosa ne penso).

In questo caso però devo fare un’eccezione.

Amo da morire i cavalli (ne ho due miei) e ogni volta che vedo qualche tour vado sempre a controllare alcune cose.

Ovviamente è successo anche questa volta e ho notato con piacere che i cavalli erano ben tenuti, ben nutriti e con finimenti nuovi, puliti e non arrugginiti. Se decidi di optare per un tour a cavallo fai caso sempre a queste cose!

Cibo e bevande

Non ci sono posti per procurarsi cibo e acqua lungo i sentieri, quindi è meglio portare con te qualche snack e acqua. Se è una bella giornata porta tanta acqua, almeno 2 litri.

Puoi comprare queste cose nei negozietti al parcheggio o nei ristoranti, ma ti costano molto di più che portarli da Salento.

Cosa portare

trekking-cocora-cosa-portare

Quando pianifichi un’escursione nella Valle del Cocora, assicurati di fare lo zaino in modo intelligente: porta stivali da passeggio di buona qualità, un impermeabile, vari strati di abbigliamento (il tempo può cambiare drasticamente, così come la temperatura) e molta acqua e snack.

Giacche impermeabili e calde: il tempo in Valle del Cocora è veramente imprevedibile e cambia alla velocità della luce (prima c’è il sole e in un battibaleno viene la pioggia), quindi assicurati di portare giacche calde per quando vai oltre i 2000m, nonché una giacca da pioggia o un k-way.

Cappello e occhiali da sole: il sole batte forte, copri la testa!

Repellente: gli insetti nella foresta possono diventare una tortura, ricordati di portare con te uno spray.

Cibo, snack e acqua: c’è un ristorante all’ingresso e un caffè ad Acaime ma non è economico, quindi se vuoi risparmiare un po’ di soldi, porta con te qualche spuntino da trekking e una bottiglia d’acqua o, meglio, il tuo pranzo.

Buone scarpe robuste: la pista può diventare molto fangosa quando piove, quindi prendi buone scarpe robuste, preferibilmente impermeabili.

Maps.Me: Maps.me è la migliore app che puoi avere sul tuo telefono, specialmente durante le escursioni. L’app è disponibile sia su Android che su iOS e con le loro funzionalità offline e il loro elenco completo di sentieri escursionistici disponibili, non ti puoi perdere.

Fare trekking nella Valle del Cocora è una parte essenziale di qualsiasi viaggio in Colombia, quindi spero di averti aiutato ad organizzare la tue escursione in maniera che sia memorabile!

0 comments… add one

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Get a weekly email with best free content
Subscribe