PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image

Bagaglio smarrito, che fare?

Una delle paure peggiori di chi viaggia in aereo (e in gran parte dei casi paura che affligge per lo più i passeggeri appartenenti al gentil sesso) è quella dello smarrimento del bagaglio.

Ufficio Oggetti Smarriti (Lost and Found)

Chi non ha provato un po’ di apprensione davanti al nastro trasportatore quando dopo un po’ di tempo ha visto ripassare la valigia gialla del vicino per la seconda volta, mentre della nostra neppure l’ombra?

Quasi sempre i bagagli arrivano, ma se ad un certo punto questa apprensione si tramutasse in terrore puro nel constatare che la nostra valigia proprio non c’è?

Che si deve fare? Niente panico.

Per prima cosa imprecare (anche se capisco sia inevitabile) contro tutti vi aiuterà solo a guadagnarvi il diritto all’inferno.

Per seconda ricordatevi che, nel peggiore dei casi, avrete diritto ad un rimborso.

Messi da parte panico ed imprecazioni, dunque, la primissima cosa da fare è quella di recarsi all’Ufficio Oggetti Smarriti (Lost&found, situato nell’area doganale di riconsegna bagagli) muniti del vostro biglietto e scontrino bagagli.

Lo scontrino bagagli è quella specie di adesivo che vi viene attaccato alla carta di imbarco quando imbarcate la vostra valigia.

Qui vi verrà consegnato un modulo PIR (Property Irregularity Report) che andrà compilato cercando di descrivere con la maggior accuratezza possibile l’aspetto (marca, colore, dimensioni etc etc) ed il contenuto della vostra cara valigia.

In genere, il bagaglio viene ritrovato entro le prime 24 ore.

bagaglio smarrito cosa fare

Circa 26 milioni di bagagli sono stati smarriti nel 2012

Ok e se il vostro non viene ritrovato nelle prime 24 ore cosa succede?

Se non siete residenti in quel luogo (chiaramente unica volta in cui io l’ho perso, o meglio me lo hanno perso LORO, ero dall’altra parte del globo rispetto a casa) alcune compagnie vi dovrebbero anticipare una piccola somma.

La somma dovrebbe essere sufficiente a coprire sostenere le piccole spese urgenti (acquisto dello spazzolino da denti, di un paio di mutande).

Insomma, una piccola cifra per non ridurvi a trascorrere almeno i primi due giorni alla stregua di barboni.

Mi raccomando conservate gli scontrini degli acquisti effettuati per un eventuale rimborso (nel mio caso, dovetti anticipare ed ebbi il rimborso degli scontrini fino ad un massimo di 100 euro).

Una percentuale cospicua di bagagli vengono trovati nei primi 3 giorni.

Nel caso di vittoria del campionato di sfiga cioè nel caso in cui il bagaglio fosse definitivamente smarrito, o che risulti danneggiato, o che venga consegnato in ritardo avrete diritto a un risarcimento massimo di 1.167 euro circa per voli assicurati da compagnie UE in tutto il mondo.

Per quanto riguarda invece compagnie aeree che non aderiscono alla Convenzione di Montreal del 1999, in caso di smarrimento o danneggiamento del bagaglio è previsto un risarcimento fino a 20 euro per kg fino a un massimo di 388 euro.

Attenzione che queste regole valgono solo nel caso in cui il danno sia da ricondurre alla compagnia aerea (e attenzione che anche qui le compagnie spesso fanno le furbette).

Qualunque danno, pena la decadenza, va denunciato alla compagnia aerea entro 7 giorni in caso di danneggiamento del bagaglio, ed entro 21 giorni per ritardata consegna.

Ricordate che alcune assicurazioni offrono delle polizze di copertura contro il furto e la perdita dei bagagli.

Inoltre queste assicurazioni permettono di avere rimborsi superiori a quelli offerti dalle compagnie aeree (vedi il mio articolo Assicurazione di viaggio).