PimpMyTrip.it – Viaggi Fai da Te Blog Cosa Vedere in Giordania e due Itinerari di Viaggio

Cosa Vedere in Giordania e due Itinerari di Viaggio

Con i paesaggi mozzafiato, i siti storici, il cibo delizioso e le città un po’ caotiche, la Giordania mi ha regalato ogni giorno emozioni nuove: dai colori rossi dorati di Petra alle acque azzurre (e salate!) del Mar Morto, dai bazar pieni di gente ai campi fertili della Valle del Giordano, i giorni del mio viaggio sono stati appena sufficienti e sono tornata a casa sapendo bene che avevo avuto solo un assaggio di tutte le cose da vedere in Giordania.

giordania-cosa-vedere

NOLEGGIARE L’ AUTO IN GIORDANIA

Noleggiare un’auto in Giordania è il modo migliore per esplorare il paese e uno dei più economici (esatto la Giordania non è una destinazione propriamente low cost).

Le strade sono buone e il carburante costa poco. Avere la propria auto ti dà la flessibilità di viaggiare al tuo ritmo e vedere posti che non sono possibili in viaggi di gruppo o con trasporto pubblico (come la Strada dei Re per esempio).

Dai un’occhiata su RentalCars.com a questo link per comparare i prezzi delle auto a noleggio.

Quando pianifichi l’itinerario, cerca di non farti fregare come me dal fatto che la Giordania è un paese piccolo: solo circa 35.000 miglia quadrate di cui circa la metà è coperta da deserto.

Ricevo molte mail con la domanda “cosa vedere in Giordania in 3 giorni?”, dai retta a me, valuta almeno 5 giorni o, meglio, 7 giorni.

In fondo a questo post trovi anche due itinerari che potrebbero servirti, ma per ora vediamo una lista di cosa vedere in Giordania!

Le migliori cose da vedere in Giordania

1 – Petra

E come non partire citando Lei, probabilmente il primo desiderio di chiunque decida di organizzare un viaggio in questo paese: la città Nabatea di Petra?

È una delle città antiche del mondo. Petra è uno di quei posti che è all’altezza della fama che gode in tutto il nostro pianeta.

Petra ti lascerà letteralmente senza fiato quando entrerai nella piazza che ospita il Tesoro dopo i 2 km di cammino attraverso la profonda e stretta gola del Siq.

Risalente a più di 2000 anni, Petra era una parte importante della Via della Seta dalla Cina e dall’India, ma intorno al 12° secolo venne abbandonata: l’Occidente la riscoprì solo nei primi anni del 1800 e film come Indiana Jones hanno contribuito a pubblicizzarla e a farle giustamente ottenere la fama mondiale che si merita.

Ma vediamo nel dettaglio le cose principali da vedere a Petra che da sole meriterebbero un articolo.

1 – Petra by Night

Petra by Night, ovvero una visita di Petra a lume di candela, quando il tesoro viene illuminato da migliaia di piccole fiammelle danzanti.

2 – Tesoro di Petra

Ricavato da una roccia di arenaria, El Khasneh al Faroun, conosciuto più comunemente come “Tesoro di Petra” è la rovina più elaborata del sito. È il primo monumento che saluta i visitatori quando escono dalla lunga e stretta gola del Siq che segna l’ingresso della città e davvero toglie il fiato.

Se hai tempo cerca di fare l’escursione al punto panoramico sopra il Tesoro a cui si accede seguendo il percorso intorno alle Tombe Reali. Mantieni la sinistra del negozio di tè e chiedi allo staff di indicarti la giusta direzione.

3 – Monastero di Petra

Il Monastero, il più grande monumento di Petra, risale al I secolo A.C. È una lunga camminata in salita per arrivarci ma vedere il Monastero in tutta la sua imponenza è una grande ricompensa alla fatica fatta sotto il sole cocente (portati dell’acqua)!

4 – Piccola Petra

La Piccola Petra è una versione molto più piccola e silenziosa del sito principale, e anch’essa ha edifici scavati nella roccia arenaria. È una bella alternativa per un pomeriggio libero per esplorare un posto più tranquillo e fuori dai sentieri battuti.

Vuoi approfondire? Leggi il mio post su come visitare Petra (se è la prima volta che ci vai)

2 – Rovine romane di Jerash

Le rovine romane di Jerash sono tra le rovine romane meglio conservate al mondo.

I momenti salienti di Jerash includono l’ ippodromo che un tempo ospitava le corse dei carri, il cardio maximus, una volta l’arteria principale della città, e l’Arco di Adriano, costruito per commemorare una visita dell’imperatore Adriano.

Il sito è così ben conservato che è facile immaginare la grandiosità di questa città che era una volta e la storia del sito è davvero viva (e a me ha fatto pensare tantissimo alla mia visita di Palmira, in Siria)

3 – Strada dei Re

strada-dei-re-giordania

Il modo più scenografico per andare da Amman a Petra è sicuramente percorrendo la Strada dei Re. Non c’è un trasporto pubblico (i bus percorrono l’autostrada) e lo puoi fare quindi in tre modi: con auto a noleggio, prendendo un tassista (ma costa una fucilata perché ti lascerà a Petra e poi lui dovrà tornare ad Amman) o con un tour privato come questo che trovi su GetYourGuide.

Cosa vedere sulla Strada dei Re (nell’ordine da Amman fino a Petra)

1 – Mappa di Madaba

La Mappa di Terrasanta è un’incredibile mappa a mosaico del Medio Oriente creata nel VI secolo, situata nella piccola chiesa ortodossa di San Giorgio e rappresenta l’itinerario per raggiungere Gerusalemme attraverso tutto il mondo all’epoca conosciuto.

2 – Monte Nebo

Il punto in cui Mosè vide la Terra Promessa è un posto panoramico dal quale si osserva un bellissimo panorama sul territorio e che dovrebbe essere proprio il punto descritto dalla Bibbia.

3 – Wadi Mujib

Wadi Mujib è uno spettacolare canyon del fiume conosciuto come il Grand Canyon della Giordania. Il fiume sfocia nel Mar Morto a oltre 400 metri sotto il livello del mare.

4 – Castello di Shobak

Il castello di Shobak è un castello crociato del XII secolo arroccato sul fianco di una montagna rocciosa in un ambiente arido.

5 – Riserva della biosfera di Dana

La Riserva della Biosfera di Dana è la più grande riserva naturale della Giordania che si trova lungo il volto della Great Rift Valley e vanta paesaggi e escursioni spettacolari. Dai un’occhiata al villaggio di Dana, un villaggio di pietra occupato dal 4000 aC.

6 – Castello di Kerak

Il castello di Kerak è il più grande e meglio conservato dei castelli crociati. Il castello del XII secolo è arroccato in cima a una collina nella città di Kerak.

Per saperne di più, leggi la mia esperienza sulla Strada dei Re da Amman a Petra.

4 –  L’insediamento collinare di Umm Qais

Al confine tra Giordania, Israele, Palestina e Siria, la città di Umm Qais, conosciuta come l’antica Gadara, ha ampie vedute sulla Valle del Giordano,  e sulle alture del Golan.

Nell’attuale Umm Quais si possono osservare le rovine di una città romana costruita su un antico villaggio ottomano. Le rovine, sebbene molto meno conservate di Jerash, includono un teatro, la strada principale e gli edifici un tempo occupati da negozi, templi e case.

Umm Qais è anche pubblicizzato come il sito di un miracolo in cui, secondo la Bibbia, Gesù ha lanciato demoni dagli uomini ai maiali.

5 – Il castello di Ajloun del XII secolo

Il castello di Ajloun in cima alla collina è una tappa interessante tra i due siti di Jerash e Umm Qais. Il castello è ben conservato con gli interni molto intatti e le incredibili viste sulla Valle del Giordano valgono la salita!

6 – Umm Ar-Rasas

Umm Ar-Rasas, patrimonio mondiale dell’UNESCO con il suo spettacolare mosaico perfettamente conservato (il più grande della Giordania) è una tappa imperdibile.

Il sito ospita estese rovine romane, bizantine e paleocristiane nonché il pavimento musivo nella chiesa di Santo Stefano. Il mosaico raffigura le principali città dell’antica Giordania e le tecniche di caccia e pesca dei tempi antichi.

7 – Aqaba

L’unica città costiera della Giordania, Aqaba è il posto perfetto per le immersioni e lo snorkelling del Mar Rosso. Io ci ho trascorso una giornata e dopo la polvere e il caldo ti assicuro che è un ottimo posto per rilassarti prima di riprendere il tuo viaggio.

Non c’è molto da fare in questa città assonnata oltre a vedere il forte o il museo locale. La città stessa in realtà serve solo come porto e base per visitare il Mar Rosso.

Ci sono alcune spiagge in città, ma le migliori sono verso sud, verso il confine con l’Arabia Saudita.

Arrivando in spiaggia noterete alcune cose: 1) la spiaggia può essere abbastanza sassosa 2) le donne indossano i bikini e 3) l’acqua è perfetta.

La parte del costume da bagno è notevole perché molti viaggiatori si aspettano l’abito musulmano più tradizionale. Ma qui le spiagge sono private e hanno il loro dress code, quindi i bikini sono i benvenuti.

I bagnanti avranno l’opportunità unica di vedere quattro diverse nazioni contemporaneamente. Attraverso il Mar Rosso, vedrai l’Egitto e Israele, mentre a sud c’è l’Arabia Saudita.

Ci sono diversi centri di immersione attorno a queste spiagge. Visita uno di loro e prenota una gita subacquea!

8 – Wadi Rum

wadi rum deserto giordania

La valle della luna giustamente chiamata, altrimenti conosciuta come patrimonio mondiale dell’UNESCO di Wadi Rum. Trascorrere la notte in un campo deserto del Wadi Rum è un’esperienza davvero unica nella vita e esplorare il deserto in 4×4 durante le ore diurne porta alla vita il magnifico paesaggio.

Attenzione che se prenoti in loco un tour 4×4 puoi aspettarti qualche fregatura per spillarti dei soldi. Il mio consiglio è di comprarlo prima online come qui su GetYourGuide, oppure, se sei coraggioso, di contattare il mio amico Audh (è matto come un cavallo, ma con lui ti divertirai tantissimo)!

Leggi di più sulla visita al Wadi Rum (e di come il deserto mi ha cambiato la vita) qui!

9 – Amman

amman-giordania-cosa-vedere

So che sul web spesso si legge che tutto è meraviglioso e bellissimo, ma a dire la verità io ho trovato la Capitale della Giordania abbastanza brutta e secondo me non vale la pena di trascorrerci più di un giorno o due.

Amman è un mix di moderno e antico, è caotica, ma anche qui qualcosa da vedere c’è.

Cosa vedere ad Amman:

1 – La cittadella e la mano di Ercole

Le antiche rovine romane della Cittadella sono uno dei luoghi più famosi di Amman. La mano di Ercole è una mano massiccia che faceva parte di un’antica statua, ritenuta essere Ercole.

2 – Duke’s Diwan
Il Duke’s Diwan è uno dei più antichi e ben conservati edifici in pietra situati nel cuore di Amman.

3 – Rainbow street

Famosa per i graffiti colorati, Rainbow Street è una strada trendy puntellata di locali e bar…e famosa per i gelati!

4 – Moschea di King Abdullah

Non ricordo di averla vista (ahia) ma ti assicuro che ero talmente stanca che non ce la facevo. in ogni caso dalle foto sembra molto bella, se decidi di visitarla mandamene qualcuna!

10 – Mar Morto

Nuotare nel Mar Morto, il punto più basso della Terra, è assolutamente da includere in qualsiasi itinerario in Giordania. Chiamato giustamente Mar Morto perché le sue acque sono particolarmente salate con livelli di sale 4 volte superiori rispetto al resto degli oceani del mondo, è veramente divertente galleggiare sulla sua superficie!

L’acqua contiene 35 minerali e questi, insieme al fango ricco sulla sua costa, ne fanno un luogo particolarmente indicato per i trattamenti per la pelle.

11 – Sito del battesimo della Giordania

Il sito del battesimo, Betania oltre il Giordano, è un’aggiunta relativamente recente alla Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO ed è considerata la posizione originale del Battesimo di Gesù e il luogo in cui risiedeva Giovanni il Battista.

È surreale stare accanto alle acque strette che separano la Giordania e Israele ed è comune vedere battesimi che si svolgono nella parte israeliana del sito.

12 – Quseir Amra

Quseir Amra è uno stop poco conosciuto e si trova a circa 70 minuti ad est di Amman. Il ben conservato castello del deserto dell’ 8° secolo, costruito come un’oasi reale nel deserto, è un patrimonio mondiale dell’UNESCO grazie ai suoi incredibili affreschi.

Itinerari in Giordania

giordania-5-giorni-itinerario

5 giorni: il Mar Morto, Wadi Rum e Petra

Solo cinque giorni? OK, il tempo non è molto per cui ti consiglio di concentrarti su tre dei luoghi più straordinari da visitare in Giordania: Petra, il Wadi Rum e Mar Morto.

Questo è un itinerario molto comune per coloro che sono in Israele e vogliono fare una scappata in Giordania di qualche giorno.

Se vieni da Israele, attraversa il confine all’Allenby Bridge e dirigiti direttamente al Mar Morto. Sperimenta uno dei sentimenti più sconcertanti del mondo: assenza di peso nell’acqua iper-salata.

Consiglio PRO

Se passi da Allenby Bridge, a differenza di Eilat, ti serve avere il visto, non puoi farlo li. C’è in effetti un modo per ovviare a questo, ovvero acquistare il Jordan Pass, che oltre a far sì che tu possa entrare senza visto ti dà anche l’accesso ad un sacco di attrazioni.

Vedi qui cosa include il Jordan Pass.

Assicurati di visitare il vicino Wadi Mujib per fare canyoning.

Dopo il Mar Morto dirigiti a Petra, dove trascorri un giorno intero e una notte per poi trascorrere un giorno intero (il successivo) nel deserto del Wadi Rum.

Dormi in un campo tendato sotto le stelle e il giorno dopo dirigiti ad Aqaba e da li torna ad Eilat in Israele, oppure prendi un volo e torna ad Amman.

In pratica l’itinerario di 5 giorni lo farei così:

Giorno 1 – Amman: visite alla Cittadella, all’anfiteatro romano, al centro di Wasat Al Balad, ai mercati del souk e alla famosa Rainbow Street.

Giorno 2 – da Amman a Petra: percorri la strada dei re e arriva a Petra nel primo pomeriggio. Verso sera visita la Piccola Petra.

Giorno 3 – Petra: visita classica al sito di Petra.

Giorno 4 – Wadi Rum: da Petra parti presto e visita per tutto il giorno il meraviglioso deserto di Wadi Rum, più conosciuto come il deserto di Laurence d’Arabia che fu girato proprio lí. Dormi in un campo tendato sotto le stelle!

Giorno 5 – Mar Morto e Amman: parti alla mattina da Wadi Rum e vai dritto sul Mar Morto. Trascorri la giornata a galleggiare nelle acque salate. Verso sera rientro ad Amman.

7 giorni: il meglio della Giordania

itinerario-giordania-7-giorni

Questo itinerario di 7 giorni è l’ideale per coloro che vogliono trascorrere più tempo nei deserti della Giordania. Include la maggior parte dei luoghi di interesse della Giordania: si tratta dell’itinerario più classico che puoi fare.

I viaggiatori possono arrivare sia ad Aqaba che ad Amman. Coloro che arrivano da Israele possono entrare anche attraverso la comoda traversata di Wadi Araba tra Eilat e Aqaba.

L’itinerario di 7 giorni è molto simile a quello di 5 ma aggiungendo altri due luoghi di interesse: Jerash e Aqaba.

Aggiungi un giorno ad Amman per dedicarti a Jerash e parti per Petra il giorno successivo.

Dopo la notte nel deserto al Wadi Rum prima di andare sul Mar Morto trascorri un giorno ad Aqaba per rilassarti sulla spiaggia e fare qualche immersione nel Mar Rosso.

Spero che questo articolo su cosa vedere in Giordania sia stato di tuo gradimento e che tu abbia trovato quello che stavi cercando. In caso mi fossi dimenticata qualcosa, scrivimelo nei commenti!

giordania-luoghi-di-interesse
2 comments… add one
  • Marcello Ago 6, 2019 @ 18:43

    Ciao Martina, bellissimo post, sul quale stiamo prendendo spunto per pianificare il nostro viaggio di 7 giorni in Giordania.
    Abbiamo noleggiato un auto, per la guida, tu suggerisci una guida per tutto il tragitto (magari che parli italiano) oppure da prendere solo in alcune destinazioni? Nel caso, quali? Ci potresti anche suggerire come prenotare una guida dal-Italia prima di partire?

    Grazie mille

    • Emarti Ago 7, 2019 @ 15:44

      Ciao Marcello,
      dipende da cosa devi vedere. Secondo me la guida è assolutamente necessaria a Petra…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.