PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image
PimpMyTrip.it - Viaggi Avventura > Blog > Consigli di Viaggio > Diarrea del viaggiatore, precauzioni e rimedi contro il peggior compagno di viaggio

Diarrea del viaggiatore, precauzioni e rimedi contro il peggior compagno di viaggio

– Posted in: Consigli di Viaggio

diarrea del viaggiatore

Già da un po’ meditavo di scrivere un articolo su questo delicato argomento. Infatti sono pochi gli eletti che in viaggio si salvano da quello che ormai è globalmente riconosciuto come la maledizione di Montezuma (o di Tutankhamon per alcuni). Esatto, parlo proprio di lui: il famigerato cagotto. è bene essere consapevoli che soprattutto viaggiando zaino in spalla in Asia prima o poi capita. A tutti, o quasi.

Digitando le parola magiche “diarrea del viaggiatore” su google si aprono migliaia di siti che ne parlano, dando utili consigli, anche se ahimè non sempre sufficienti. Vediamo quelli di base:

  • Acqua in bottiglia. Bere sempre sempre sempre acqua in bottiglia e utilizzarla anche per lavarsi i denti. Anche le bibite vanno bene
  • Evitare il cibo che potrebbe non essere stato conservato bene, evitare quindi soprattutto lo street food. Se ci riuscite. Si perchè io non ci riesco, sono un famelica divoratrice di cibi locali soprattutto nelle peggiori situazioni.
  • Attenzione al ghiaccio. Si perchè se seguite alla lettera il punto 1 e poi alla sera vi bevete un bel drink con dentro i cubetti di ghiaccio fatti con la stessa acqua del rubinetto, allora fatevi il segno della croce e ciao.
  • diarrea rimedi

    Rimedi naturali

    Non mangiare  cibi crudi: evitate soprattutto la verdura, mangiatela solo cotta, mentre come frutta sbucciatela sempre, spesso per mentenerla fresca viene tenuta con ghiaccio (vedi punto 2)

  • Attenti ai colpi d’aria. Si perchè la diarrea non è provocata solo dal cibo, ma anche da altri fattori tra cui gli sbalzi di temperatura. Cercate di portarvi dietro un maglioncino: spesso la temperatura fuori è molto alta, mentre negli alberghi e nei locali l’aria condizionata è molto bassa, il passaggio dentro-fuori potrebbe essere fatale. Cercate anche di non dormire sotto il ventilatore.
  • Sembra che facciano molto i fermenti lattici presi prima della partenza.

La scienza dice che almeno 3 scariche fecali non propriamente solide in un giorno si può considerare diarrea.
A quel punto ne siete afflitti e non potete più far niente se non cercarvi il più velocemente possibile una comoda camera di hotel. Anche se dura in genere solo 3 o 4 giorni, la vivrete molto più serenamente se, in caso urgente di evacuare, avrete la possibilità di rifugiarvi nel bel bagno privato della vostra camera piuttosto che se sarete sull’autobus notturno che da Guillin porta ad Hong Kong.

Tra l’altro, anche se ci arrivaste prima di essere esplosi, avete mai visto il cesso di un autogrill cinese? No? Allora fidatevi, camera di albergo e via.

keep-calm-shit-happens-whitePrima di partire chiedete al vostro medico di prescrivervi un antibiotico, portatevi poi un disinfettante intestinale (io porto sempre il bimixin), degli integratori e bevete tantissima acqua per evitare la disidratazione. Nelle forme peggiori, potreste avere sangue nelle feci e febbre: nel caso andate in ospedale!!! (mi raccomando non partite MAI senza un’ assicurazione di viaggio che vi paghi la clinica: non ci sono mai stata, ma credo che preferirei morire sciolta per un cagotto piuttosto che farmi “curare” nel primo ospedale pubblico cambogiano!!!)

Last but not least ricordate: in Asia il miglior amico dell’uomo non è il cane, ma l’imodium 😀

ZONE PIU A RISCHIO:

rischio diarrea viaggiatore

Ti Potrebbero anche piacere:

10 comments… add one
Manuela

Articolo non solo utilissimo, ma anche ironico al punto giusto!

Emarti

Grazie Manuela!!! 😉

Giovy

Quello che mi ha fregato più di altro sono stati i colpi d'aria.
Micidiali!

Emarti

Ehehe ciao Giovy, hai ragione quelli sono i peggiori 😀

Patrick

L'unico e migliore modo di difendersi è rinunciare alle insalate e fare un'attenzione estrema all'acqua, arrivando fino a lavarsi i denti con quella imbottigliata. Suggerisco comunque anche il plasil oltre all'imodium, qualche volta prende la pancia, qualche volta allo stomaco!

Martina

Grazie Patrick 😀 se non sbaglio il plasil serve contro nausea e ehm vomito 😀 

Michele

In Messico la guida ci fornì il Peptobismol mentre come disinfettante intestinale mi faccio sempre prescrivere il Normix

martina santamaria

Grazie Michele, mai sentiti nominare, vado subito ad informarmi (anche perchè il Messico sarà la mia prossima meta ) Grazie!!

partyepartenze

Sono una che va sempre contro corrente. Ho assistito a scene terrificanti in giro per il mondo e capisco quanto possa essere fastidioso questo problema, ma fortunatamente non ne sono mai stata colpita. Africa, sud America, Caraibi, Oriente: nulla, anzi, tendo a “portare tutto a casa”. Mangio di tutto, soprattutto assaggio ogni alimento anche da street food, bevo come un cammello e mi lavo i denti con ciò che trovo. Avrò anticorpi di razza? E adesso che mi sono tirata la malasorte, mi arriverà il primo cagotto del viaggiatore alla prima gita fuori porta…

Emarti

Ahahahha va beh dai pensa che anche il cagotto fa parte del viaggio…. e il primo non si scorda mai 😉

Leave a Comment