PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image
PimpMyTrip.it - Viaggi Avventura > Blog > Viaggi Avventura > Europa > Alla scoperta delle Langhe con il Nightswapping

Alla scoperta delle Langhe con il Nightswapping

– Posted in: Europa

Le Langhe sono uno scrigno pieno di tesori artistici, centri storici medievali, castelli, torri e chiese ed in ogni paese di questo territorio vi è qualcosa da vedere. Noi siamo stati invitati a visitarle grazie al nightswapping ed è stata una bella occasione per scoprire una parte del nostro paese che ancora non conoscevamo.

langhe

Lanche: il panorama dal b&b La Sosta di Bacco

Langhe, non so voi, ma a me la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho sentito questa parolina è stata: yum, vino a go go!

Scherzi a parte, poco tempo fa, appena mi è stato proposto di provare il nightswapping, dopo un primo momento di confusione (ma che è sto nightswapping?) tra le varie opzioni che mi sono state presentate c’era proprio la possibilità di fare un weekend nelle Langhe e allora, ho pensato, perchè non approfittarne?

Langhe

Le Langhe, il cui nome è molto antico e non si sa con precisione da dove abbia origine, è un territorio formato da suggestive colline che si estende tra i fiumi Tanaro e Bormida.

Nonostante le province siano quelle di Asti e Cuneo, le Langhe hanno trovato il loro cuore nella vivace cittadina di Alba, una delle più suggestive del Piemonte, con le sue alte torri di mattoncini rossi, che appare a chi la visita incastonata come una piccola pietra preziosa nel verde della colline.

Ma le Langhe non si riducono ai borghi incantevoli da visitare, sono infatti tantissime le proposte di itinerari consigliati, da quelli del vino (non perdetevi la strada del Barolo) a quelli dei castelli; noi abbiamo preferito lasciarci ispirare viaggiando senza fretta, scegliendo la strada ad ogni curva ed assaporando ogni attimo i nuovi imprevedibili paesaggi che si mostravano ai nostri occhi.

strada-del-barolo-langhe

Scorci nelle Langhe

Cos’è il nightswapping?

Il nightswapping è una specie di “banca delle notti”: in pratica si registra alla community la propria stanza o casa e per ogni notte in cui si ospita se ne riceve una a credito da trascorrere in un’altra struttura o casa privata di un altro membro iscritto.
Più ospiti, puoi mettere a disposizione la tua intera casa o anche solo una stanza, più notti guadagni e quindi più a lungo puoi viaggiare quasi gratis (a parte una piccola quota di gestione di 9.90): mi sembra un ottimo modo per risparmiare!
Altro vantaggio del nightswapping è che potendo stare a casa con le persone, si ha un’esperienza molto più genuina a contatto con i local di un paese o di una città: pensate che la community conta già più di 150.000 iscritti in circa 160 paesi nel mondo.

sosta-di-bacco-calosso-langhe

Il b&b La Sosta di Bacco

Tra le varie opzioni che mi sono state proposte per provare, appunto, l’esperienza del nightswapping c’era una bellissima camera del tipo che piace a me, in stile rustico in un grande casale perfettamente ristrutturato.
Appena ho visto la fotografia ho capito che era quella che volevo e così la scelta è stata facile: il venerdi sera subito dopo il lavoro siamo partiti alla volta di Castigione Tinella, piccolo e caratteristico borgo in provincia di Cuneo, del quale prima di questa occasione non avevo mai sentito parlare (sono vergognosa, sì lo so)
Arriviamo in mezzo ad una fitta nebbia, intorno è già buio pesto e troviamo Davide, il gentile propietario del B&B La sosta di Bacco  (ma con un nome del genere potevo non sceglierlo?) che ci accoglie con una bottiglia di Moscato di sua produzione da gustare.

La mattina seguente ci alziamo che il sole è già alto e troviamo Davide ad aspettarci per darci qualche consiglio su cosa visitare nei dintorni. Il B&B è inserito in un contesto romanticissimo, circondato da colline ricoperte dalle vigne che, complice l’autunno inoltrato, si colorano di mille sfumature di verde, giallo, bruno, rosso, viola ed arancione.

Cosa vedere nella Langhe

neive-alta-langhe

Colori d’autunno sui palazzi di Neive Alta

Davide ci dà qualche consiglio sulle cose da fare ed i borghi caratteristici da visitare: la macchina è il miglior modo per spostarsi perchè si possono percorrere tantissime strade che si snodano sinuose lungo i fianchi delle colline regalando ad ogni curva nuovi e imprevedibili paesaggi.
Partiamo in macchina verso la prima nostra tappa nelle Langhe: Mango. Il paese è carino con un bel castello che non è però visitabile visto che all’interno è stato allestito un ristorante di lusso, ma pochi km dopo in direzione Neviglie c’è un bellissimo punto panoramico sulle colline e i borghi  circostanti.
Da lì, dopo una sosta per pranzo, proseguiamo verso Neive. Sicuramente Neive è una tappa imperdibile per chi vuole visitare le Langhe. Neive è un piccolo borgo: la parte più antica medievale fu edificata in cima ad un colle (Neive Alta), mentre la parte più moderna e urbanizzata si estande ai suoi piedi. Il fatto che la parte urbanizzata si sia sviluppata in basso ha fatto si che l’antico borgo rimanesse praticamente intatto: sin dai tempi antichi, a causa della bellezza del luogo, Neive alta fu scelta dai signorotti e dalla borghesia come residenza, lasciando in eredità splendidi palazzi.
Ul altro motivo per visitare Neive sono le sue straordinarie cantine: i vini qui prodotti sono quelli presenti sulle tavole di alcuni dei ristoranti più prestigiosi d’Italia.
La nostra strada prosegue verso Barbaresco con la sua imponenete torre, simbolo del paese, per dirigersi poi in direzione Magliano Alfieri con il suo castello (aperto tutte le domeniche, da Maggio ad Ottobre) ed il museo dei gessi e i meravigliosi affreschi della Cappella del Crocefisso.

Le cattedrali del vino di Canelli

cattedrali-sotterranee-canelli

Le cattedrali sotterranee di Canelli

Canelli sarebbe un semplice borgo abbastanza anonimo se non fosse che ospita le famose ed incredibili cattedrali sotterranee del vino che si snodano per chilometri nel sottosuolo cittadino. Scavate durante il medioevo, probabilmente per lo stoccaggio delle merci, divennero durante i secoli successivi il luogo ideale dove produrre lo spumante. Recentemente inserite tra i patrinomi dell’umanità dell’Unesco, sono un dedalo di tunnel con soffitti a volta scavati nel tufo, l’ambiente ideale ad offrire un’esperienza sensoriale unica, unita ad una location suggestiva e surreale.
Le cattedrali del vino visitabili sono 4 e aprono a turno, è quindi necessario telefonare in anticipo e prenotare la visita:

Cantine Bosca Via G. B. Giuliani, 21 tel. +39 335 799 68 11

Cantine Contratto Via G. B. Giuliani, 56 tel. +39 0141 823349

Cantine Coppo Via Alba, 68 tel. +39 0141 823146

Cantine Gancia Corso Libertà, 66 tel. +39 0141 8301

Dove Mangiare

calosso-langhe

Calosso

Ovunque, in qualsiasi borgo o strada si prenda nelle Langhe, non si corre il rischio di saltare il pranzo: il territorio è letteralmente disseminato di osterie, agriturismi e ristoranti dove mangiare le prelibate specialità della zona, dagli sformati di verdura con la fonduta, ai peperoni con la bagna cauda, alla carne cruda all’albese battuta al coltello. Insomma ce n’è davvero per tutti i gusti e la buona notizia è che nella maggior parte dei posti in cui ci si ferma a mangiare la cucina è casalinga ed il prezzo economico.
Se organizzate la visita alle cattedrali sotterranee di Canelli, non potete certo esimervi dal fermarvi a cena al Vecchio Torchio che è praticamente un’istituzione da queste parti.

Se alloggiate alla Sosta di Bacco potete andare a cena a Calosso al La Crota d’Calos, ottimo per l’alto rapporto qualità prezzo e per le materie prime utilizzate, sempre freschissime.
Altro ristorante degno di nota e nel quale andare soprattutto durante la stagione del tartufo è il Bric di Castagnito a pochi km da Alba, uno dei luoghi migliori in cui io abbia mai mangiato il “diamante grigio”.

Dove dormire

sosta-di-bacco

Il nostro “nido” alla sosta di Bacco

Beh visto che ci siamo stati e ci siamo trovati benissimo, direi che La Sosta di Bacco è un ottimo posto in cui soggiornare: rustico, appena rinnovato, pulitissimo ed in posizione strategica vicino a Calosso.
Il paese di Calosso è molto carino, in cima al colle, e regala spettacolo alla sera quando completamente illuminato domina il paesaggio intorno: La Sosta di Bacco si trova ad appena 5 minuti d’auto dal paese, il una location romantica in mezzo alle colline ricoperte dalle vigne.

Noi le Langhe le abbiamo visitate in autunno e secondo me è davvero il momento migliore dell’anno perchè la natura esplode in un trionfo di colori ed il clima è ancora mite. Se avete bisogno di informazioni approfondite per organizzare un weekend da queste parti le trovate sul sito dell’ente del turismo.

Ti Potrebbero anche piacere:

Grotte di Nettuno
lucca comics
0 comments… add one

Leave a Comment