PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image

Perché viaggiare ti rende, oltre che migliore, anche più figo

– Posted in: Viaggi Avventura

Ammettiamolo, chi viaggia diventa, oltre che migliore, anche più figo. Nei tanti anni dei miei viaggi ho incontrato tantissimi ragazzi nelle diverse parti del mondo e mi sono accorta che mi piacevano un sacco e che, nonostante non fossero sempre stereotipi della bellezza classica, avevano qualcosa in loro, una sorta di magnetismo che li rendeva in qualche modo diversi, speciali. Ragazzi spesso vestiti semplicemente ma con quello sguardo pieno della luce che ha solo chi si sente davvero libero e con quel particolare modo di muoversi, con confidenza, come se anche dall’altra parte del mondo si sentissero a casa loro.

Non solo quindi viaggiare ti rende una persona migliore, perché ti apre la mente, ma viaggiare ti fa diventare anche più figo, ecco qualche motivo per cui lo penso.

into-the-wild

Into the wild

Impari le lingue

Chi viaggia impara le lingue e di conseguenza acquista confidenza nell’ascoltare e nell’avere un dialogo. Intanto si diventa un migliore interlocutore, più piacevole, ma inoltre saper rispondere alle persone sempre nella loro lingua rende più affascinante, oltre a metterle a proprio agio.

Diventi piu indipendente

Chi viaggia diventa più indipendente. Non è solo questione di saper risolvere i problemi che si presentano senza dover ricorrere all’aiuto degli altri. Si impara a stare da soli, a bastarsi e a stare bene solo con la compagnia di sè stessi. Si impara a fare delle scelte e a non guardare quello che fanno gli altri. Si impara a non seguire il gregge ma a camminare con le proprie gambe e a prendere da soli le proprie decisioni. E si impara anche a sbagliare da soli e questa è la lezione più grande di tutte.

Acquisti sicurezza in te stesso

Chi impara a sbagliare e impara a contare solo su sè stesso, inevitabilmente acquista forza e sicurezza. Quando chi viaggia è dall’altra parte del mondo e ha un problema deve imparare a risolversi le sue cose da solo. Trovarsi in un paese diverso, dove non si conosce la lingua e non si riesce a comunicare bene, quando ci si trova lontani dalla propria comfort zone, bisogna imparare a rimboccarsi le maniche e a trovare una soluzione senza aspettare che sia qualcun altro a trovargliela perché se no “campa cavallo che l’erba cresce”. E la cosa bella è che quando viaggiamo quasi sempre il problema lo si risolve alla grande rendendoci consapevoli delle nostre capacità ed intelligenza. Pensare “ce l’ho fatta da me” aiuta a rendersi conto di “bastarsi” da soli e questa consapevolezza può solo che far aumentare la sicurezza in sè stessi. La sicurezza in sé stessi crea quel magnetismo che fa in modo che gli altri abbiano sempre voglia di starti intorno.

Impari a rispettare culture diverse, conoscere persone e ascoltare diversi punti di vista

Questo più che figo agli occhi degli altri ti rende migliore. Ed essere migliore ed essere figo vanno un po’ di pari passo diciamolo. Imparare a rispettare e a conoscere le persone ti aiuta ad avere relazioni serene con gli altri e a capire come comportarti per a metterli a loro agio e di conseguenza a farli sentire bene quando sono in tua compagnia. Fondamentale, no?

Diventi più avventuroso e più coraggioso

Chiaramente questa è la diretta conseguenza del trovare sicurezza di sé: di conseguenza si prova ad osare qualcosa di più. Questo non vuol dire diventare degli incoscienti, ma rendersi conto del vero rischio nelle cose che si fanno ed analizzarlo più lucidamente senza farsi venire troppe paranoie anche dove non ci sono. Si diventa coraggiosi perchè ci si trova nella condizione di dover fare delle scelte e prendere delle decisioni. E questo è il coraggio più grande che c’è.

Hai tanto da raccontare

Chi viaggia dice sempre la sua, è impossibile farlo stare zitto (chi mi conosce lo sa bene). Se poi si parla di viaggi, addio, quelli che viaggiano avranno sempre un aneddoto o una storia divertente da raccontare. Chi viaggia parlerà a lungo delle avventure vissute nelle varie parti del mondo, parlerà delle persone conosciute e dei cibi che ha assaggiato. Racconterà di quella volta che ha mangiato un insetto solo per vedere le facce atterrite di chi lo ascolta o racconterà di quando ha attraversato la giungla in mezzo alle sanguisughe. Inevitabilmente il viaggiatore terrà sempre banco e gli altri non potranno fare a meno di ascoltare le storie che lui ha da raccontare.

Sei più felice

è questo secondo me il motivo per cui le persone che viaggiano sono le più fighe. Chi ama viaggiare torna dal paese che ha appena visitato con un sorriso diverso stampato sulla faccia. Neanche le 30 ore di volo che si è appena fatto e le occhiaie per la stanchezza riescono ad offuscare lo splendore di quel sorriso. Quel sorriso è la felicità che ci portiamo dentro e non c’è nulla da fare, niente rende le persone più affascinanti della felicità e del  sorriso.
Quella è la felicità di chi sa di non avere confini, di chi sogna già la prossima avventura: è la felicità del sentirsi completamente liberi.
Poco importa se si deve tornare alla vita normale, il viaggiatore sarà comunque felice perchè nel momento in cui rimetterà piede sul suolo di casa sua comincerà a sognare una nuova destinazione e a cercare il prossimo volo che lo porti lontano.

E a voi viene in mente qualche altro motivo per cui viaggiare, oltre a renderti migliore, ti fa diventare anche più figo?

4 Comments… add one
4 comments… add one
Elisa

Questo post è troppo carino, complimenti!

martina santamaria

ah ah ah elisa l’ho scritto un po’ per gioco, ma alla fine è anche un po’ vero 😉 ah ah ah grazie, un abbraccione!

Erika

Un altro motivo? … Per partire, spostarsi, esplorare, per forza devi essere anche un minimo allenato! Difficilmente un viaggiatore corrisponde a un rammollito da divano;)

martina santamaria

è vero ah ah ah i viaggiatori sono tutto tranne che rammolliti ah ah ah

Leave a Comment