PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image

Viaggiare in treno alla scoperta della Lapponia

– Posted in: Europa

Il treno, con i suoi agi di tempo e i suoi disagi di spazio, rimette addosso la disusata curiosità per i particolari, affina l’attenzione per quel che si ha attorno, per quel che scorre fuori del finestrino. Tiziano Terzani

viaggiare-treno-lapponia-noi

io e Giulia alla stazione di Stoccolma Arlanda: nonostante la stanchezza il nostro vero viaggio comincia da qui!

Purtroppo viaggiare in Lapponia non è sempre a buon prezzo: anche se si riescono a trovare voli economici verso le capitali scandinave, i voli verso le parti più a nord dei vari paesi talvolta possono essere costosi.
Quando abbiamo deciso di visitare la Lapponia svedese, una delle prime domande che ci siamo fatte è stata: come arrivare da Stoccolma a Jorn spendendo il meno possibile ma viaggiando comodamente?
La risposta è arrivata quando Isabella del Lantliv Lodge ci ha consigliato fortemente il treno notturno che collega Malmo, nel sud della Svezia con la parte nord, fino a Narvik passando per Stoccolma.
Il treno ci è sembrata subito la scelta migliore: infatti oltre a partire direttamente dall’areoporto di Arlanda un paio d’ore dopo l’arrivo del nostro volo è anche più economico di qualsiasi altra opzione.

Arriviamo così con il volo Air Baltic alle ore 20, tempo di fare una veloce cena e ci trasferiamo dal terminal di arrivo di Arlanda direttamente alla stazione del treno, integrata all’interno dell’areoporto; qui l’ambiente è sorprendentemente piacevole: qualche negozio, qualche localino in cui prendere un caffè e una comoda zona con wi-fi gratuito con postazioni e prese elettriche alle quali ricaricare pc e smartphone.
Alle 23 circa saliamo direttamente sul treno (puntualissimo) e prendiamo posto nelle cuccette in seconda classe (il prezzo del biglietto da Stoccolma a Jorn andata e ritorno è di Sek 1.360,00 (circa 150,00 euro).
Qui gli scompartimenti sono separati per uomini e donne e ogni scompartimento in questa categoria  è piccolo ma tranquillo e pulito: ci sono tre cuccette, prese per la corrente, lenzuola, cuscino e coperte immacolate e un piccolo lavandino: il bagno è condiviso e in fondo al corridoio, minimale ma anch’esso pulito.

cabina-treno-svezia

La nostra cabina sul treno da Stoccolma alla Lapponia

Nonostante siamo molto stanche dopo una giornata faticosa tra areoporti, scali e turbolenze per noi il vero viaggio comincia adesso su questo treno; mancano ancora tanti km e dieci ore prima di arrivare a Jorn, in Lapponia svedese, la nostra tanto desiderata meta, ma il nostro entusiasmo è davvero alle stelle: qualunque viaggio in treno, nonostante la modernità ha sempre un fascino antico che non può fare a meno di suscitare nel viaggiatore un particolare senso di romanticismo.

Ci diamo una rinfrescata e ci rechiamo per rilassarci dopo le lunghe ore di viaggio già trascorse con un caffè e una birra nel vagone ristorante: qui l’atmosfera è calda e tranquilla  e dal momento che non ci sono tavolini liberi, due gentili signori svedesi ci invitano a sederci insieme a loro e dopo averci chiesto dove stiamo andando e come mai siamo su quel treno, ci raccontano con gli occhi che brillano di entusiasmo tutto quello che sanno sulle aurore boreali.

vagone-ristorante-treno-in-svezia

L’accogliente atmosfera del vagone ristorante sul treno notturno verso la Lapponia

Poco dopo mi raggomitolo al caldo nella mia cuccetta mentre il ritmo del treno ed i rumori attutiti della ferrovia mi accompagnano con dolcezza tra le braccia di Morfeo.
Alle 8 del mattino suona la sveglia, tempo di prepararci frettolosamente e ci spostiamo nel vagone ristorante per un muffin con marmellata di mirtilli, un caffè bollente e ci sediamo, mentre aspettiamo l’arrivo a Jorn, guardando le immagini della Lapponia che scorrono fuori dal finestrino: immensi ed imbiancati spazi si alternano a folte foreste di abeti coperti da una soffice coltre di neve.
Alle nove puntualissimi scendiamo a Jorn: dopo quasi 24 ore il nostro viaggio fin qui finisce e ne comincia uno nuovo, da questa piccola stazione di legno e  ferro immersa in uno scenario che fino ad oggi credevamo esistesse solo nelle fiabe dei fratelli Grimm.

viaggiare-in-treno-in-lapponia

Viaggiare in treno in Lapponia svedese @photo Giulia Cimarosti www.travelreportage.com

Qualche informazione pratica sul treno notturno direttamente dal sito di SJ (le ferrovie svedesi) dal quale si possono acquistare direttamente i biglietti (il prezzo dipende dalla lunghezza della tratta, dalla classe in cui si viaggia e dalla disponibilità)
Altre opzioni (oltre alla nostra, in seconda classe con scompartimento privato) per il viaggio notturno sono:

1 – Posto letto in scompartimento da 6 cuccette
2 – Scompartimento privato in 1° classe, con due cuccette e bagno privato.
3 – Vagone notturno nel quale non ci sono letti ma solo sedili reclinabili

Per chi viaggia con i bambini ci sono delle tariffe agevolate.
Grazie SJ AB per la fantastica e vissuta esperienza di viaggiare in treno fino alla Lapponia.

5 Comments… add one
5 comments… add one
L'OrsaNelCarro

Grazie per farmi viaggiare con te solo leggendoti!
Tu e Giulia siete “real”, le compagne di viaggio che ognuno vorrebbe avere. Per me, poi, seguire la vostra avventura nel GrandeNord è stato davvero coinvolgente! L’esperienza nel treno (con quelle ambientazioni) dev’essere fantastica.
La musica di sottofondo NON è partita perchè NON è una sviolinata hahaha!

PS: Ah, Giulia mi ha presentato Winkler!
Un grosso saluto!

Ale

Sono in estasi… che viaggio meraviglioso!!! Siete state fantastiche ragazze!!!

martina santamaria

Che dirti… grazie 🙂 Un abbraccio!

Ezio

Va beh viaggio in treno verso il Nord ed è magia! Complimenti per le foto di un’esperienza che spero di replicare. 😀

martina santamaria

Anche io spero di replicare presto, i viaggi in treno hanno un fascino antico come nessun altro viaggio! Dove sei stato di bello? Io sogno la norvegia, ma è troppo cara per me al momento 😛 Un abbraccione!

Leave a Comment