PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image

Organizzare un viaggio alle Galapagos Low Cost

– Posted in: Consigli di Viaggio

Iguana-Plaza-SurIntanto se siete arrivati su questa pagina e state pensando di organizzare un viaggio alle Galapagos, lasciate che vi faccia i complimenti per la vostra scelta: questo piccolo gruppo di isole vulcaniche, perse nell’Oceano Pacifico a circa 1000 km dalla costa dell’Ecuador, sono una delle mete più straordinarie che possiate immaginare, uno di quei luoghi ancora magici i quali siete privilegiati di poter visitare almeno una volta nella vita.

Non dimenticatevi però che questo è un mondo oltre che magico anche fragilissimo, in cui noi uomini siamo ospiti a cospetto degli animali ed è un nostro dovere proteggerlo comportandoci con rispetto e responsabilità.

Come visitarle: Galapagos fai da te, crociere o land-based?

Qual’è il modo “migliore” per visitare le Galapagos? è possibile fare un viaggio low-cost o fai da te?

Crociera-Galapagos-low-cost

La nostra “Flamingo”

Facciamo una premessa, anzi due. La prima è che viaggiare alle Galapagos è comunque costoso, non è possibile farlo in maniera economica (almeno low cost nel senso in cui intendo io), ma volendo qualcosina si può risparmiare. Seconda premessa, non è possibile viaggiare tra le isole in maniera fai da te: infatti di tutto il parco solo una piccolissima parte è visitabile (il 3%) e lo è solo ed esclusivamente accompagnati da una guida (a parte qualche eccezione sull’isola di Santa Cruz).

Le isole dunque sono visitabili in due modi: o con la crociera o land-based, cioè dormendo su alcune isole e facendo escursioni organizzate giornaliere e accompagnate.

La maggior parte dei viaggiatori sceglie la crociera per visitare l’arcipelago (io pure ho fatto così). Sicuramente rispetto al land-based questa modalità è più costosa anche se risparmiare un pochino è comunque possibile. Le crociere possono essere da 3 giorni ad una o due settimane ed il prezzo varia in base alla barca e all’itinerario che si sceglie.

Il prezzo di una crociera è definito da molti fattori: il tipo di barca e i confort di cui dispone (grandezza delle cabine, qualità del cibo), l’esperienza della guida, l’itinerario e la lunghezza della crociera, il periodo dell’anno, e variano da qualche centinaio di dollari fino a qualche migliaio. In realtà è possibile risparmiare un po’ sul prezzo aspettando qualche crociera last-minute, cioè quelle che vengono “svendute” per riempire dei posti rimasti vacanti. Se avete tempo per aspettare, potete cercare di prenotare la vostra crociera in questo modo risparmiando così dei bei soldini.

Come arrivarci

Voli giornalieri delle compagnie Aerogal e TAME collegano le principali città dell’Ecuador, Quito e Guayaquil con l’arcipelago delle Galapagos. Se si prenota la crociera presso qualche agenzia è l’agenzia stessa che si occupa della prenotazione ed acquisto dei voli.
Se invece si volessero raggiungere le isole in maniera indipendente prenotare il volo potrebbe essere più difficile perchè proprio le agenzie e gli equipaggi delle barche “bloccano” i posti sugli aerei in maniera da garantire il volo ai loro clienti.
I voli dal continente verso le Galapagos partono alla mattina presto in modo da garantire l’arrivo prima dell’ora di pranzo ed in genere lo stesso aereo che parte da Quito fa scalo a Guayaquil per raccogliere altri passeggeri.
La durata del volo da Guayaquil a Baltra è di circa 1 ora e 45 minuti.

Aerogal

Aerogal collega giornalmente l’Ecuador con le Galapagos

Quando andare

Non c’è un periodo migliore o peggiore per visitare le Galapagos e nonostante tutto l’anno sia un buon periodo per andarci, ogni stagione ha comunque i suoi pro ed i suoi contro.

Va tenuto comunque in considerazione che, anche se il numero dei visitatori è regolamentato, durante l’alta stagione a volte le isole possono essere affollate, oltre naturalmente a dover prenotare in anticipo.

Fringuello-Darwin

Scegliete quando andare alle Galapagos a seconda anche degli animali che vorreste vedere

Da Dicembre a Maggio l’acqua è più calda ed il mare più calmo è quindi è un buon periodo per gli appassionati dello snorkelling.
Le giornate sono caratterizzate da forti acquazzoni che durano però poche ore, lasciando poi la scena ad un caldo sole.
In questo periodo gli uccelli si accoppiano e le tartarughe fanno i nidi sulle spiagge.

Da Giugno a Novembre la corrente di Humbolt porta nelle isole acque più fredde, ma più ricche in nutrienti che attraggono pesci e di conseguenza gli uccelli, per cui è più facile vedere alcune specie come gli albatross di Espagnola ed i pinguini.
Spesso le giornate sono rese più cupe dalle nuvole, ma non piove quasi mai, è un ottimo periodo  per chi fa immersioni.

Costi nascosti

Dicevo che viaggiare alle Galapagos è costoso. Quando prenotate un viaggio qui, oltre al costo del volo per l’Ecuador e della crociera, dovete tenere in conto anche di alcune spese nascoste che alla fine, sommate le une alle altre, incideranno sul prezzo.

1) Il volo aereo è escluso da quello della crociera. Al prezzo che pagate dovrete quindi aggiungerci degli altri soldoni. I voli hanno un prezzo quasi fisso, io ho pagato $475 per il volo a/r da Quito

2) Mance: La mancia per l’equipaggio e la guida è praticamente obbligatoria e non è proprio poca cosa. Quanto loro si aspettano di mancia è suggerito sul “regolamento” appeso all’interno delle cabine. Per una crociera economica aspettatevi che vengano chiesti circa 15-20 USD al giorno.

3) 100 USD che dovrete pagare come tassa di entrata al parco delle Galapagos.

4) 10 USD che vi vengono richiesti all’areoporto prima della partenza per le isole

5) Bibite e alcoolici a bordo. L’acqua in genere è compresa nel prezzo della crociera, chiaramente gli alcoolici e le bibite no. Su certe crociere economiche anche l’acqua fuori dai pasti è a pagamento quindi quando prenotate la crociera accertatevi con la vostra agenzia che almeno quella sia inclusa.

6) Equipaggiamento da snorkelling. Nel caso non vi foste portati la vostra muta e il resto dell’equipaggiamento per lo snorkelling, aspettatevi di pagare circa 40 euro per l’affitto.

Regole del parco e responsabilità

Se queste isole sono tutt’oggi praticamente incontaminate è merito del fatto che le regole da seguire sono rigidissime: a volte un piccolo gesto che all’apparenza potrebbe sembrare innoquo ha invece degli effetti devastanti sull’ambiente circostante e soprattutto su chi ci abita e che rende veramente speciale queste isole: gli animali

Sea-lion-Mosquera-Island

Viaggiare responsabilmente è un dovere di tutti noi

Basterà seguire le regole e, oltre al fatto che la nostra vacanza alle Galapagos sarà comunque un’esperienza straordinaria, proteggeremo gli amici animali e continueremo a garantirgli quell’habitat delicato che da sempre è la loro casa.

Vediamo qualche regola generale:

  • Non toccare gli animali: é vero sono tenerissimi e a volte l’impulso di fare una carezza su una di quelle testoline morbide è quasi irresistibile, ma pensate sempre che così facendo gli fareste del male. Moltissimi cuccioli di leone marino muoiono proprio per questo motivo, perchè dopo essere stati toccati dalle persone, le loro mamme li abbandonano. Quindi guardateli dalla dovuta distanza e, oltre a vivere intensamente questo incontro, eviterete di fargli del male
  • Non dare da mangiare agli animali: questa è un’altra cosa importantissima perchè se vengono nutriti dai turisti gli animali perdono la loro capacità a procurarsi il cibo da soli. Non date nulla a nessun animale, se dopo centinaia di anni sono ancora vivi è perchè sono capacissimi di procurarsene da soli, senza il nostro intervento.
  • Non uscire dai percorsi segnati: altra regola importantissima seguire sempre i percorsi. In questo modo si potrà ancora mantenere inalterato l’ambiente circostante e a preservare l’habitat in cui gli animali vivono.

Packing list: cosa mettere in valigia

Le Galapagos hanno un clima tutto loro, per cui, nonostante sia una regione tropicale è necessario portarsi vari indumenti. Infatti se di giorno il sole è caldissimo, alla sera le temperature si possono abbassare anche di molto ed è quindi necessario avere un abbigliamento adeguato. Oltre alle t-shirt e ai pantaloncini corti, consiglio vivamente una tuta o dei pantaloni lunghi, una felpa o pullover per la sera oltre che ad un utilissima giacca a vento.

Ecco una lista di cose utili da portare con sè:

  • Costume da bagno e asciugamano per prendere il sole
  • Giacca anti-pioggia o kway
  • Scarpe da hiking
  • Sandali
  • un paio di scarpe normali
  • Cose per la toilette personale
  • Repellente per gli insetti
  • Crema solare e doposole
  • Binocoli
  • torcia
  • Fotocamera o telecamera con batterie di riserva (si possono trovare schede di memoria a Porto Ayora, ma hanno prezzi proibitivi
  • attrezzatura da snorkelling (si può affittare a bordo, ma se si ha la propria è meglio)
  • una guida cartacea sulle isole e sugli animali che le abitano
  • Passaporto, documenti e soldi

 

23 Comments… add one
23 comments… add one
Greta

Che ansia tutti sti extra sulle crociere. Ho un parere tutto personale sul fattore mancia e l'obbligatorietà mi dà sui nervi. Purtroppo è così in molti paesi.

Martina

Ciao Greta! si è una cosa fastidiosissima anche per me la mancia obbligatoria, oltrettutto con quello che già si paga, ma vabbè le Galapagos sono un po’ il viaggio della vita per cui bisogna cercare di prenderla con filosofia 🙂

Federico

La parola mancia e la parola obbligo non dovrebbero stare sulla stessa frase infatti 🙂

Comunque sia spiegazioni impeccabili come sempre! 🙂

Martina

Grazie Fede!!! 🙂

freya76

Che belle le Galapagos! Ho un vecchio "Airone" monografico sull'arcipelago che tengo come l'oracolo fin da quand'ero bambina. Una mia amica per il suo viaggio di nozze ha abbinato Ecuador e Galapagos e ha portato a casa delle foto meravigliose…Però a me vengono sempre dubbi sul visitare o meno questi templi della natura, proprio per quello che dici anche tu sugli animali troppo abituati alla presenza umana che poi non sono più in grado di procacciarsi il cibo (a Yosemite era lo stesso) e per l'impatto in genere che una bestia ingombrante come l'uomo può avere… D'altra parte il turismo è senz'altro una risorsa per questa gente e capisco che per loro sia di vitale importanza. Quindi che fare? Ne parlavo anche con un mio amico che è stato a scalare un Ottomila in Nepal e mi ha raccontato di quanto ormai il trekking dell'Annapurna, che noi poveri mortali non alpinisti, ci figuriamo come il sentiero degli Dei, sia ormai una strada con moltissimi lodge per turisti che non ha più nulla di selvaggio, come d'altra parte i vari "campi base". Così mi diceva che adesso si sta spostando tutto sul circuito del Manaslu che quindi forse verrà "sputtanato" anch'esso. Questo per dire che alla fine ci si ritrova sempre davanti al solito dilemma, specie nelle aree più "estreme" del pianeta… Si può arrivare a un turismo che non sia poi come invasione di cavallette in questi luoghi rari, magnifici e tremendamente fragili? Ecco. Questo mi fa pensare un viaggio nelle isole di Darwin… 🙂

Martina

Ciao Elena,

hai colto in pieno! Il fatto è che fortunatamente per le Galapagos, se vengono mantenute ancora così è grazie al turismo, altrimenti ci avrebbero costruito delle fabbriche ;-). Scherzi a parte purtroppo ormai ogni cosa, anche l’ambiente, viene visto come qualcosa su cui guadagnare. Di fronte ai soldi niente sembra avere più importanza. Il turismo low cost poi ha fatto danni irreparabili. Pensa a Cancun che cosa è diventato.é un discorso un po’ delicato forse, ma se da una parte dare a tutti la possibilità di viaggiare è assolutamente una cosa giusta, dall’altra l’ingordigia dell’uomo lo ha portato a costruire alberghi enormi, ecomostri, più gente ci metto più guadagno. E così luoghi meravigliosi sono stati distrutti. Per le Galapagos fortunatamente non è così ed è ancora un paradiso. E credo che in questo caso si sia capito che mantenere l’habitat così come è vale molto di più del guadagno sfrenato 🙂

Paolo

Ciao Martina, leggo con molto piacere quello che scrivi e condivido e ammiro molto la tua passione per i viaggi. Io andrò in queste straordinarie isole la prima sett di ottobre e volevo chiederti info sul land-based, è davvero meno costoso? sapresti dirmi grosso modo quanto si può andare a spendere con entrambe le modalità di viaggio? ultima cosa hai dei consigli su cosa non perdere assolutamente da questo viaggio? grazie mille 😀

Martina

Ciao Paolo, intanto grazie di essere passato da qui :D.. Poi complimenti per la scelta, le Galapagos restano nel cuore per tutta la vita, sono davvero uniche al mondo :)allora si il land-based è davvero meno costoso, ma non saprei dirti con precisione i costi perchè variano dalle isole che scegli di vedere e dal periodo. Ottobre è bassa stagione quindi secondo me potrai strappare dei buoni prezzi. Io avevo speso una fucilata ma intanto era la settimana di Natale e poi ho scelto la crociera di una settimana (la barca era la Flamingo, la più economica di tutte). Alla fine tra crociera e volo per arrivare alle isole da Quito avevo speso circa 1700 USD. Delle isole secondo me veramente imperdibile sono Espagnola e Bartolomè ma mi è piaciuta moltissimo anche South Plaza (Plaza Sur) con tantissime iguana di terra e ibride. Tieni conto che ogni isola è diversa dalle altre quindi prima di partire cerca di capire bene cosa vuoi vedere e poi scegli le isole di conseguenza 😀 A presto e buon viaggio, beato te !! 🙂

Paolo

Grazie a te per la risposta esaustiva e super rapida 😉 ..land-based, crociera, fattore tempo, economie, isole da vedere… nella felicità di partire ho la paura di non riuscire a godermela fino in fondo.. e mi sento come un bambino che non vede l’ora di avere il suo giocattolo preferito.. emozioni di un viaggiatore 😀
ma secondo te sono scelte che posso fare quando sarò li o devo necessariamente organizzare tutto prima di arrivare? a me hanno consigliato anche la playa di Seymur, ci sei stata?

Martina

Mmmmm no no mi sembra di non esserci stata…allora intanto, il volo lo hai già? Quanto tempo hai per starci? Secondo me potresti contattare un’agenzia da qui (sulle isole , a parte Santa Cruz non puoi andare da solo) e chiedere quali escursioni è possibile fare, quanto durano e naturalmente quanto costano. Per lo meno ti fai un’idea 🙂
Ci credo che sei felicissimo, lo sarei anche io, tornerai con il cuore gonfio di bellezza, te lo giuro, un po’ ti invidio sul serio, mi piacerebbe tantissimo tornarci 🙂

Paolo

Ciao Martina scusa il ritardo.. manca pochissimo alla mia partenza.. il volo ce l’ho giá e ho una settimana per starci.. credo sia abbastanza. In ogni caso ho giá contattato una agenzia in Santa Cruz e siamo rimasti che mi prenotava solo l’ostello e il tour a bartolomé che a detta sua é difficile da prenotare.. oltre a queste due credo faró anche isabela, santa fé e floreana, che ne pensi? Volevo fare anche española peró mi hanno riferito che li non fanno tour in giornata (cosa che vorrei verificare quando son li). Cmq la scelta é stata difficile e si é basata anche sul poco tempo che ho a disposizione. Bé che dire.. grazie per i consigli, e quando ritorneró saró felice di farti sapere com’é andata 🙂

martina santamaria

Paolo ciao, ti ho risposto su fb 🙂

Paolo

Grazie a te per la risposta esaustiva e super rapida.. crociera, land-based, fattore tempo, economie, isole da non perdere.. nella felicità di partire ho anche la paura di non godermela come si dovrebbe.. mi sento come un bambino che non vede l’ora di avere il suo nuovo giocattolo.. emozioni di un viaggiatore 😀
cmq pensi che possa organizzare i tour quando sono li o devo necessariamente farlo prima di partire?

Paolo

perdona la ripetizione del messaggio.. problemi di linea esmeraldegna.. 😉

Martina

ehehe ma figurati, tranquillo!!! dimenticavo, buon viaggioooo!! E se ti và quando torni fammi sapere com’è andata, mi farebbe piacerissimo 😀

Paolo

Grazie a te per la risposta esaustiva e super rapida.. crociera, land-based, fattore tempo, economie, isole da non perdere.. nella felicità di partire ho anche la paura di non godermela come si dovrebbe.. mi sento come un bambino che non vede l’ora di avere il suo nuovo giocattolo.. emozioni di un viaggiatore 😀
cmq pensi che possa organizzare i tour quando sono li o devo necessariamente farlo prima di partire?

martina santamaria

Paolo, ti ho risposto su Fb 🙂 Bella chiacchierata grazie!

valentina

ciao Martina,
domanda molto banale:quanto può venire a costare un viaggio simile,di due settimane, con una crociera di una settimana alle Galapagos e una settimana in giro per l’Ecuador? Standard economico,ma non bettole con scarafaggi 😀 😀 Cosi,per farmi un’idea immediata. Grazie mille!!

Martina

Ciao Valentina! allora, il prezzo delle crociera varia in base al periodo (alta o bassa stagione), al tipo di imbarcazione e all’itinerario che scegli. Proviamo a fare un esempio.
400/450 euro costa il volo dall’Ecuador alle Galapagos (e quello è prezzo più o meno fisso)
Per una crociera di una settimana su uno yacht economico devi valutare tra i 1000 e i 1500 euro (in bassa stagione)
Il volo dall’Italia all’Ecuador in bassa stagione lo puoi trovare anche a 800/900 euro
Una settimana in Ecuador può essere abbastanza economica: se utilizzi i mezzi pubblici risparmi moltissimo, i tour con le agenzie invece sono abbastanza cari.
Gli hotel sono economici, con 15/20 dollari a notte a testa puoi trovare ottimi ostelli e guesthouse.
Per il mangiare puoi spendere tra i 4 e i 20 euro dipende se vai in posti turistici o no o se mangi pesce o come me ti accontenti di riso e uova (io sono vegetariana). se poi mangi street food sei a posto, non costa praticamente nulla.
Alla fine della fiera se stai un po’ attenta a non buttare proprio via i soldi, puoi riuscire a rimanere abbastanza tranquillamente sotto i 3000 euro.
Se invece hai tempo a disposizione, vai direttamente a Quito o a Guayaquil e cerca lì una crociera alle Galapagos last minute. Puoi risparmiare davvero molto (io ne avevo vista una scontata quasi al 50%, quindi 800 euro invece che 1600 per una settimana), ma devi avere tempo di aspettare e sperare che esca quella che comprende le isole che vuoi vedere tu. Ogni isola è diversa dall’altra (e anche gli animali), cerca di capire in anticipo cosa vuoi vedere 🙂
Alla fine le Galapagos sono talmente belle che saresti felice comunque, ma a mio avviso perderti Bartholomew o Espagnola sarebbe davvero un gran peccato 🙂

valentina

Grazie mille!
ho fatto un pò i conti della serva e forse ci vuole qualcosa più di 3000€ sommando tutto,sospettavo fosse comunque un viaggio importante. Dovrò risparmiare un bel pò mi sa 😉

martina santamaria

Eh si si deve risparmiare, il costo e’ molto alto, ma se devo dirti una cosa… : se puoi FALLO, sono i soldi meglio spesi, le Galapagos sono davvero straordinarie 🙂

Valentina

appena potrò,sarà fatto! 🙂
Grazie,gentilissima!
Buona giornata!

martina santamaria

😀

Leave a Comment