PimpMyTrip.it – Viaggi Avventura header image

Il Museo Vasa e la storia di un “epic fail” (davvero imperdibile)

– Posted in: Europa

Il Museo Vasa è senza troppi giri di parole una delle cose più incredibili che io abbia mai visto in tutta la mia vita: immaginate di essere trasportati indietro nel tempo di 400 anni e di ritrovarvi di fronte ad un vero vascello da guerra della flotta svedese, l’unico sopravvissuto dal 17 secolo. Ecco, siete al museo navale più famoso della Scandinavia, capace di attrarre da solo più di un milione di visitatori all’anno.

Museo Vasa

Il Vasa, l’unico vascello al mondo che dal XVII secolo sia giunto ai giorni nostri

Il Museo (del) Vasa

Il Vasa affondò nel 1628 al suo viaggio inaugurale. Recuperato dal fondo del mare nei primi anni ’60, la nave si trova al centro del museo con il 95% del suo legno originale. Il Museo Vasa è una stanza gigante dedicata ad una nave da guerra, un simbolo di forza e colonialismo che ha trascorso 300 anni sul fondo del mare per mostrarsi a noi oggi praticamente intatto.

Una meraviglia scientifica che ha un valore archeologico immenso.

Il museo è stato sviluppato su cinque piani che si avvolgono come una spirale intorno alla nave per permettere ai visitatori di assaporarne da ogni angolo la vista spettacolare. Lateralmente sono state allestite 9 mostre con gli oggetti ritrovati sul vascello: si cammina in mezzo alla storia con le esposizioni delle vele originali, dei barili che contenevano ancora il cibo, gli strumenti medici e, tra il ferro dei cannoni ed i vestiti dei marinai, le ossa di chi quel giorno da quel vascello non è riuscito a fuggire.

Il Vasa non fu costruito per impressionare solo i nemici grazie al suo armamento da battaglia, ma anche per le sue sculture e ornamenti. Lateralmente sono esposte anche le sculture che rivestivano il vascello e che erano un tributo alla magnificenza e al potere dell’allora monarca svedese.

Una testa di leone ruggente fu la prima scultura ad essere recuperata dal mare. Nera, a causa del tempo trascorso nelle profondità dell’abisso, portava ancora i segni della pittura che la decorava: dorata la criniera e rosse le sue fauci.

Alla testa di leone seguirono 500 sculture e oltre 200 ornamenti decorativi: angeli, diavoli, guerrieri, imperatori e Dei.

vasa-sculture

Alcune sculture che ornavano il grande vascello

Ognuna di esse aveva un significato simbolico. Il leone significava il coraggio e le due statue di Ercole (le sculture più impressionanti) recuperate con esso simboleggiavano la forza e la saggezza.

Nel 17 secolo “alla moda” significava “stravagante”: tutte le sculture erano dipinte in colori sgargianti: rosa, rosso sangue, verde acido, blu come il mare profondo. Quello che a noi sembra un tantino kitsch ed esagerato, ai tempi significava impareggiabile.

Breve storia del Vasa

vasa-leoni

I leoni, simbolo del coraggio dell’impero svedese

“Tra le 4 e le 5 il grande e nuovo vascello della flotta svedese si è inclinato ed è affondato” sono poche righe scritte su un libro il 10 Agosto del 1628 a testimoniare quello che successe quella domenica per noi lontana nel tempo.

Ma il disastro della nave che al suo viaggio di inaugurazione affondò nel Baltico non è la fine di una storia, bensì l’inizio di un’altra che è sopravvissuta fino a noi e che continua ancora ogni giorno.

Il Vasa fu recuperato praticamente intatto dal fondo del mare e dopo mille difficoltà fu trasportato dal letto di sabbia sul quale è rimasto disteso per piu di 300 anni, a questo museo, una delle attrazioni più imperdibili di tutta la Scandinavia.

Il Vasa era il vascello più costoso e più riccamente ornamentato mai costruito in Svezia a quei tempi e desiderato fortemente da Sua Maestà Gustav II Adolf, Serenissimo Re di Svezia, per dimostrare l’egemonia della Svezia sul Baltico.
Il giorno del suo varo tutti i 10.000 abitanti di Stoccolma che si erano affollati intorno al porto e sui moli per augurargli buona fortuna, furono invece tristi testimoni di quello che successe: dopo pochi minuti il vascello ondeggiò, si inclinò e affondò nel porto di Stoccolma.

vasa-ornamenti

Altri dettagli della poppa

Per tre lunghi anni più di 400 tra carpentieri, falegnami, operai, artisti e pittori lavorarono senza sosta  per dare vita al Vasa. Era un vascello reale, quello che doveva diventare la nave più importante dell’intera flotta svedese: lo scafo fu ottenuto da più di mille querce, gli alberi erano alti più di 50 metri, era equipaggiato di ben 64 cannoni e adornato da centinaia di sculture dorate e colorate.

Il vascello destò subito ammirazione negli abitanti della città e preoccupazione nei nemici che da lontano ne seguivano la costruzione.

Il giorno del varo il tempo era soleggiato e il vento leggero. A bordo del vascello non vi erano solo i marinai ma anche le loro famiglie, mogli e figli che avevano avuto l’approvazione per partecipare al giro di inaugurazione del vascello.

Il Vasa mollò gli ormeggi e cominciò a scivolare dolcemente nelle acque del Baltico. Dopo pochi minuti si alzó un forte vento e dopo aver resistito alla prima forte folata, alla seconda la grande nave da combattimento cedette, si inclinò su un lato e affondò. A 1300 metri da dove era partito.
Nessun errore fu commesso a bordo. Il vascello affondò semplicemente perché era instabile: la chiglia era troppo piccola rispetto allo scafo e troppo pesante a causa degli impianti e dell’equipaggiamento da battaglia.
Durante il processo, il capitano dichiarò che la stabilità del Vasa era stata testata durante i calcoli della costruzione. La risposta alla domanda su quale fosse stata la causa del disastro fu che “solo Dio poteva saperlo” e nessuno fu punito.

vasa-museet

La prospettiva non rende giustizia alle vere dimensioni del Vasa

Oggi sappiamo che i calcoli che furono fatti non erano corretti. Semplicemente a quei tempi non c’erano le conoscenze giuste e nessuno aveva mai costruito un vascello di quel peso e quelle proporzioni: il Vasa fu modellato su vascelli costruiti in precedenza che però non avevano quelle dimensioni. In pratica fu un esperimento andato male.

Quello che il Museo Vasa racconta

Quello che oggi il Museo ci racconta è la storia di altri tempi: qui il tempo si è fermato alle 5 del pomeriggio del 10 Agosto 1628.

Quando il vascello fu fatto riemergere 333 anni dopo, i corpi dei marinai indossavano ancora i loro vestiti, piccoli oggetti personali e qualche moneta di bronzo. Nella stiva i barili erano ancora colmi di provvigioni, il tavolo dell’ammiraglio era ancora in piedi nella sua cabina, il servizio da cucina, i portacandele in bronzo, le lampade e pure il gatto della nave erano ancora a bordo.

Il Vasa è una macchina del tempo testimone per noi di come era la vita su una nave durante il 1700, grazie agli oggetti ritrovati all’interno del vascello.

vasa-fiancate

Le due file di cannoni, 64 in totale che contribuirono all’affondamento del vascello a causa del peso

Ai tempi era molto difficile trovare qualcuno che fosse disposto a diventare parte dei 145 marinai del Vasa: il lavoro era duro, il salario bassissimo e le condizioni di vita atroci.
I marinai infatti trascorrevano la maggior parte del tempo nel buio, umido e sovraffollato ponte di batteria dove nella semioscurità dovevano condividere lo spazio con gli altri marinai e circa 300 soldati supplementari anche per dormire.

Tutto quello che possedevano erano i loro rammendati vestiti di lino, unica protezione contro il freddo umido che penetrava nelle ossa, qualche moneta di bronzo, scarpe e guanti.
La mancanza di cibo fresco, frutta e verdura e la scarsa igiene a bordo contribuivano alle malattie dilaganti, per le quali c’erano solo cure primitive. L’unica risorsa medica sulla nave era il barbiere.

Il cibo veniva preparato nel livello più basso della nave e veniva cucinato in un calderone di ghisa su fuoco aperto il che contribuiva a creare un ambiente malsano e pieno di fumo. La dieta principale era costituita da porridge di semole e orzo e altri alimenti secchi come fagioli, piselli, carne salata, maiale e pesce. Ogni marinaio aveva a disposizione tre litri di birra al giorno che servivano per placare la sete causata dal cibo troppo salato: a quei tempi sulle navi i due terzi degli uomini erano malati o moribondi e in circa due mesi già la metà dell’equipaggio era stato “sepolto in mare”.

I marinai sapevano di dover mantenere la disciplina altrimenti sarebbero stati sottoposti a severissime punizioni. Chi rifiutava o si lamentava per il cibo veniva messo a pane e acqua per dieci giorni. Chi uccideva veniva legato schiena contro schiena a chi aveva ucciso e veniva gettato fuori bordo. La blasfemia o l’insolenza verso l’ammiraglio venivano punite con il “giro di chiglia”. L’uomo condannato veniva issato fuori bordo con la testa in acqua e poi tramite una fune veniva trascinato sotto la chiglia fino dalla parte opposta della nave, una, due o tre volte.

La sfida più grande del Vasa

vasa-dettagli

Dettagli dell’imponente scafo costruito dal legno di più di mille querce

La storia del Vasa finisce e comincia il 10 Agosto 1628. Il 13 settembre del 1956  il giornale serale Expressen annunciò che un antico vascello era stato ritrovato vicino a Beckholmen, nel centro di Stoccolma.

Ci vollero anni per organizzare il recupero e nell’aprile del 1961 il Vasa fu fatto emergere dalle acque del Baltico: un pezzo incontaminato del 17 secolo ha rivisto la luce. Il vascello, dopo essere stato liberato dall’acqua e dalla sabbia fu in grado di galleggiare da solo.

Da quel giorno comincia la sfida più grande. Le acque fredde e poco salate del Baltico infatti hanno salvato il vascello, ma da quando è stato recuperato dal fondo del mare i pericoli sono molto più grandi.

La manutenzione e la cura del Vasa attuali procedono giorno dopo giorno. A causa dell’inquinamento del porto di Stoccolma le acque sono ricchissime di zolfo che si è infiltrato nel legno del vascello durante i suoi anni trascorsi sotto la superficie dell’acqua: lo zolfo reagisce con l’ossigeno formando acido solforico che attacca il legno e ad oggi vengono costantemente assoldati esperti in tutte le parti del mondo per trovare una soluzione a questo problema.

La ricerca per una conservazione a lungo termine del Vasa continua  per poter garantire ai visitatori futuri di poter osservare questo vascello esattamente com’era ed esattamente come l’ho visto io.

Come arrivare al Museo Vasa

baby-vasa

Il “Baby Vasa”, un modellino in esposizione al Museo di come il vascello sarebbe dovuto essere mentre solcava il mare

Il museo si trova sull’isola di Djurgården, a destra dell’Djurgårdsbron, in Galärvarvsvägen 14. Raggiungibile col tram 7, l’autobus 44, 69 o 76 o col traghetto che parte da Parte da Slussen (citta vecchia – Gamla Stan) tutto l’anno e che effettua servizio anche da Nybroplan in estate.

Se volete raggiungerlo con i mezzi pubblici invece da Hamngatan/Kungsträdgården prendete il Tram (Spårvägn) City linje 7 e scendete alla fermata Nordiska museet/Vasamuseet.

Metropolitana:
Scendete alla fermata Karlaplan. Da lì proseguite a piedi per  10 minuti oppure prendete il bus 67 fino alla fermata Nordiska museet/Vasamuseet.

museo-vasa-stoccolma

Il Vasa in tutta la sua magnificenza

Ma non finisce qui: se infatti guarderete fuori dalle finestre del Museo Vasa potrete osservare il luogo esatto in cui esso fu costruito, dove questa affascinante storia ebbe inizio e dove tutt’ora continua. Il grande vascello della flotta svedese continua ancora oggi a combattere la sua battaglia: quella contro il tempo.

0 Comments… add one
0 comments… add one

Leave a Comment